Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dov’è stato Gesù tra la sua morte e la resurrezione?

PIETA
Public Domain
The painting depicts an encounter of two worlds, of heaven and earth. Two angels are present at Jesus’ body; one of them weeps over His death, while the other one assumes a prayerful pose. The man who seems to be talking to one of the angels and points to Jesus may be St. John. Grief-stricken, Mary unfolds her arms and looks heavenwards, seeking consolation from God. The traces of the Passion of the Lord are exceptionally realistic; we see not only the wounds inflicted by the nails driven through His body but bruises on the knees, a memory of Jesus’ falls under the cross. Anthony van Dyck painted this work in 1635 [Royal Museum of Art, Antwerp]
Condividi

Cosa significa “Discese agli inferi”?

La fede cattolica insegna che Gesù “discese agli inferi”. Ciò vuol dire che è morto e che mediante la sua morte per noi ha sconfitto la morte e il diavolo, il dominatore della Morte (Eb 2,14). San Giovanni ha detto che Egli è venuto “per distruggere le opere del diavolo” (1 Gv 3, 8). Il profeta Isaia aveva già annunciato che “fu eliminato dalla terra dei viventi” (Is 53, 8), ma il salmista ha affermato: “Il mio corpo riposa al sicuro, perché non abbandonerai la mia vita nel sepolcro, né lascerai che il tuo santo veda la corruzione” (Sal 15, 8-11; At 2,26-27).

Gesù è morto, ma la sua anima, pur se separata dal corpo, è rimasta unita alla sua Persona Divina, il Verbo, ed è discesa nella dimora dei morti per aprire le porte del cielo ai giusti che lo avevano preceduto (cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, § 637). Vi si è recato come Salvatore, proclamando la Buona Novella agli spiriti che vi erano imprigionati.

I Santi Padri della Chiesa dei primi secoli lo hanno spiegato bene. San Gregorio di Nissa († 340) ha affermato che “Dio [il Figlio] non ha impedito che la morte separasse l’anima dal corpo, secondo l’ordine necessario alla natura, ma li ha riuniti nuovamente l’uno all’altra mediante la Resurrezione, per essere Egli stesso, nella Sua persona, il punto di incontro tra morte e vita, e diventando Egli stesso principio di riunione per le parti separate” (Or. Catech., 16: PG: 45,52B).

San Giovanni Damasceno († 407), Dottore della Chiesa e patriarca di Costantinopoli, ha insegnato che “per il fatto che nella morte di Cristo la Sua anima sia stata separata dalla carne, la persona unica non è stata divisa in due persone, perché il corpo e l’anima di Gesù esistevano nello stesso modo fin dall’inizio nella persona del Verbo; e nella Morte, pur se separati l’uno dall’altra, sono rimasti ciascuno con la stessa e unica persona del Verbo” (De fide orthodoxa, 3, 37: PG 94, 109 BA).

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.