Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come accostarsi alla Confessione quando non lo si fa da anni

Condividi

Una guida pratica per chi esita a tornare ai sacramenti

Confessarsi per la prima volta dopo 5, 10, 20, 30 o più anni può spaventare. Sappiamo che dovremmo farlo, ma c’è una parte di noi riluttante o che teme di tornare ai sacramenti.

Oltre al senso di vergogna, potremmo aver semplicemente dimenticato come ci si confessa.

Per chi esita a ricevere la misericordia di Dio, ecco una guida pratica ai vari passi della Confessione:

Passo 1: L’esame di coscienza

È la parte più necessaria della Confessione. Prima di confessare i propri peccati bisogna conoscerli. In genere una persona va a confessarsi e riferisce al sacerdote i peccati che ricorda dall’ultima Confessione, ma se questa è avvenuta vent’anni prima può essere piuttosto difficile. La chiave è riferire al sacerdote tutti i peccati mortali che si ricordano.

Parlando con il sacerdote, bisogna riferire il peccato e il numero di volte in cui si è commesso (almeno in generale, dicendo qualcosa del tipo “Non sono andato a Messa per vent’anni”).

Quando pensate a questi peccati, ricordate che il sacerdote ha già sentito di tutto. Non lo sorprenderete né lo sconvolgerete.

Pensate anche alla Confessione come ad andare da un medico. Se non gli dite che vi fa male il braccio, non sarà in grado di effettuare una diagnosi e proporre una cura. Allo stesso modo, se non riferite al sacerdote un peccato non sarà in grado di offrirvi l’assoluzione e di aiutarvi a guarire la ferita spirituale.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.