Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa deve morire in te perché tu possa rinascere?

GRAVESTONE RIP
Condividi

Diceva Søren Kierkegaard: “La vita può essere compresa solo guardando indietro, ma dev’essere vissuta guardando avanti”.

A volte mi ritrovo a guardare indietro. Ancorato al passato. È vero che è necessario, ma solo per comprendere il passaggio di Dio nella mia vita. I suoi desideri nascosti nelle mie orme.

Non resto nel passato giustificando la mia pigrizia. Non voglio pensare che il mio momento sia passato e non mi resti nulla da fare. Non è vero.

Non importa quanti anni ho. Vivrò tutto quello che Dio vorrà. Ho tutta la vita davanti per cambiare il mondo.

Voglio vivere con la gioia pasquale guardando gli anni che mi restano. Sorridendo al futuro. Non voglio angosciarmi pensando alla morte. Non voglio vivere ancorato a quello che è stato e non è più, o che potrebbe essere stato, ricordando storie passate.

Vivo il presente aperto a un futuro migliore. La vita eterna è molto meglio della mia vita piena di morte.

Vivo il mio oggi con il cuore pieno di Pasqua, pieno di luce. Dispenso sorrisi e speranza. Parlo della vita, non della morte. Ho la gioia dipinta sulle labbra.

Cosa mi manca per essere felice? Ho tutto. Gesù mi dà tutto. E non invidio quello che non ho. Posso essere felice con molto poco. Quando smetto di concentrare il mio sguardo su un orizzonte che non esiste, o su cose che non mi danno la gioia piena.

Oggi arrivo al sepolcro vuoto, al mio cuore vuoto. Il corpo della morte non c’è più. Cos’è risuscitato in me?

Voglio lasciare lì le mie paure, i miei attaccamenti malati, la mia morte. Gesù è con me, nel mio cammino, nella mia vita. Egli vive. Non mi lascia solo perché vuole che viva una vita piena, con senso.

Voglio vivere così, risorto. Con la sua vita nel cuore. Con la sua resurrezione impossibile nella mia morte. Il regno inizia a sbocciare nella mia anima. Tra le mie mani, la sua vita.

[1] Jesús Sánchez Adalid, Y de repente, Teresa

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.