Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Non piangere, lasciati chiamare per nome da Gesù Risorto

skimhanson
beauty girl cry
Condividi

Egli è l'infinitamente vivo, con Lui inizia un capitolo nuovo oltre ogni nostra aspettativa

In quel tempo, Maria stava all’esterno vicino al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù.
Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto».
Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù.
Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo».
Gesù le disse: «Maria!». Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: «Rabbunì!», che significa: Maestro!
Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli e dì loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro».
Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: «Ho visto il Signore» e anche ciò che le aveva detto. (Gv 20,11-18)

«Donna, perché piangi? Chi cerchi?». È con queste parole che l’evangelista Giovanni inaugura le apparizioni del Risorto. È una domanda bellissima, ma anche scomoda. Domandarci il perché delle nostre lacrime, e l’identità di ciò che vogliamo davvero, è una di quelle domande che ci atterriscono, perché forse abbiamo paura che non ci sia davvero una risposta.

Abbiamo paura che in fin dei conti non ci sia un senso a nulla, nemmeno alle nostre lacrime. E che i nostri dolori sono inutili, e che nessuno ci aspetta alla fine del nostro vagare. Sull’orlo di questa disperazione comincia l’esperienza del Risorto. È Gesù che fa questa domanda alla Maddalena, ma ella ancora non si è accorta che è Gesù. È ancora ostaggio del suo dolore e delle sue lacrime. Ma c’è qualcosa che ci apre mente e cuore. C’è qualcosa che ci pulisce davvero gli occhi: è lasciarci chiamare per nome da Cristo. Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» – che significa: «Maestro!». Ecco che cos’è la conversione: Dio che pronuncia nel profondo di noi stessi il nostro nome. Ci richiama alla vita, a ciò che siamo veramente.

La fede è innanzitutto l’esperienza attraverso la quale ritroviamo davvero chi siamo. E tutto ciò può avere inizio tra le nostre disperazioni, può farci andare a tentoni senza sapere dove andare, ma poi finalmente quella voce ci sveglia e inizia un capitolo nuovo. È Pasqua. È il passaggio da ciò che pensavamo fosse finito a ciò che invece inizia al di là di ogni aspettativa. È il passaggio dalla confusione delle lacrime, all’esperienza di imparare ancora una volta il nostro vero nome. È il passaggio che ci porta dalla galera delle cose da cui non riusciamo a staccarci, come la Maddalena dal sepolcro, alla libertà di poter andare dai fratelli ad annunciare l’esperienza di questo incontro, di questa liberazione. Ma tutto questo a patto di rinunciare a ‘trattenere Gesù’. Non si può imprigionare il Risorto nei nostri schemi. Egli è l’infinitamente libero, perché è l’infinitamente vivo.

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.