Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Madden e i bulli? Sua madre ha scommesso sulla compagnia e non sulla polemica

MADDEN HUMPHREYS
@maddenandmoon | Instagram
Condividi

Il figlio è nato con gli occhi di colore diverso e col labbro leporino; lei ha trovato un gatto uguale e a lui. Alla piccolezza del sopruso si risponde con la generosità dello stupore

Nei giornali italiani questa notizia è finita sulle rubriche dedicate agli animali, questione di punti di vista. Vorrei spostarla in un contenitore più ampio e accogliente, magari legato a quella strana energia caparbia che hanno le mamme.
Partiamo dai fatti. Christina Humphreys vive in Oklahoma con la sua famiglia, ha tre figli di cui uno di nome Madden: è nato con l’eterocromia degli occhi (cioè ha gli occhi di colore diverso) e il labbro leporino. Nessuna patologia grave, insomma; però queste sue caratteristiche che lo distinguono dalla massa sono state sufficienti per essere preso di mira dai bulli della scuola. L’unicità è una qualità che si impara ad apprezzare da più grandi, lo dice una che da piccola avrebbe voluto essere così uguale a tutti da risultare invisibile.

Mi sono soffermata su questa notizia per una coincidenza. Di recente è capitato un piccolo caso che mi ha fatto sorridere e pensare: la mia figlia più piccola ha uno strabismo spiccato che stiamo curando, nulla di tragico. Tutte le volte che andiamo al parco, gruppetti di bimbi un po’ più grandi di lei la guardano e dicono ad alta voce: «Guardate, una bambina con gli occhi tutti storti!».
La favola del re nudo si ripete, e non mi dà fastidio; il bambino confessa candidamente ciò che lo incuriosisce ed è più onesto degli adulti che stanno zitti e poi sparlano alle spalle. Però quando un difetto o una diversità diventano il pretesto per umiliare, insultare, svilire una persona occorre intervenire.

La mamma di Madden ha avuto un’intuizione geniale, fornitagli da un’occasione propizia. Ha scoperto su un gruppo Facebook che in Minnesota c’era un gatto con le stesse identiche caratteristiche di Madden, eterocromia e labbro leporino; inutile dire che si è mossa per adottare il felino. Moon ora fa bella mostra di sé in braccio a Madden, suscitando stupore in chi vede un umano e un micio così «simili». Mi azzardo a dire che è qualcosa di più della pur buona pet-therapy. È un rilancio al tavolo da gioco.

È la creatività spicciola e geniale che impegna le mamme di tutte le latitudini: anziché perdere tempo in discussioni eterne, teoriche, inacidite sulla cattiveria dei bulli, ci si rimbocca le maniche per rendere pan per foccaccia. Sì, in origine questo detto aveva un’accezione positiva: si rifaceva alle usanze di buon vicinato quando chi aveva cotto delle focacce, fatte con della farina ricevuta in prestito, ne donava qualcuna al suo vicino il quale ricambiava con del pane, quindi una grande pagnotta per delle piccole focacce.
Alla piccolezza mentale del sopruso si risponde con la generosità dello stupore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni