Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 01 Dicembre |
San Charles de Foucauld
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Madden e i bulli? Sua madre ha scommesso sulla compagnia e non sulla polemica

MADDEN HUMPHREYS

@maddenandmoon | Instagram

Annalisa Teggi - Aleteia - pubblicato il 03/04/18

Il figlio è nato con gli occhi di colore diverso e col labbro leporino; lei ha trovato un gatto uguale e a lui. Alla piccolezza del sopruso si risponde con la generosità dello stupore

Nei giornali italiani questa notizia è finita sulle rubriche dedicate agli animali, questione di punti di vista. Vorrei spostarla in un contenitore più ampio e accogliente, magari legato a quella strana energia caparbia che hanno le mamme.
Partiamo dai fatti. Christina Humphreys vive in Oklahoma con la sua famiglia, ha tre figli di cui uno di nome Madden: è nato con l’eterocromia degli occhi (cioè ha gli occhi di colore diverso) e il labbro leporino. Nessuna patologia grave, insomma; però queste sue caratteristiche che lo distinguono dalla massa sono state sufficienti per essere preso di mira dai bulli della scuola. L’unicità è una qualità che si impara ad apprezzare da più grandi, lo dice una che da piccola avrebbe voluto essere così uguale a tutti da risultare invisibile.




Leggi anche:
Un tenero corto animato che mostra cosa c’è alla base del bullismo

Mi sono soffermata su questa notizia per una coincidenza. Di recente è capitato un piccolo caso che mi ha fatto sorridere e pensare: la mia figlia più piccola ha uno strabismo spiccato che stiamo curando, nulla di tragico. Tutte le volte che andiamo al parco, gruppetti di bimbi un po’ più grandi di lei la guardano e dicono ad alta voce: «Guardate, una bambina con gli occhi tutti storti!».
La favola del re nudo si ripete, e non mi dà fastidio; il bambino confessa candidamente ciò che lo incuriosisce ed è più onesto degli adulti che stanno zitti e poi sparlano alle spalle. Però quando un difetto o una diversità diventano il pretesto per umiliare, insultare, svilire una persona occorre intervenire.

La mamma di Madden ha avuto un’intuizione geniale, fornitagli da un’occasione propizia. Ha scoperto su un gruppo Facebook che in Minnesota c’era un gatto con le stesse identiche caratteristiche di Madden, eterocromia e labbro leporino; inutile dire che si è mossa per adottare il felino. Moon ora fa bella mostra di sé in braccio a Madden, suscitando stupore in chi vede un umano e un micio così «simili». Mi azzardo a dire che è qualcosa di più della pur buona pet-therapy. È un rilancio al tavolo da gioco.




Leggi anche:
“Preferisco una famiglia ferita a una società chiusa e narcisistica”

È la creatività spicciola e geniale che impegna le mamme di tutte le latitudini: anziché perdere tempo in discussioni eterne, teoriche, inacidite sulla cattiveria dei bulli, ci si rimbocca le maniche per rendere pan per foccaccia. Sì, in origine questo detto aveva un’accezione positiva: si rifaceva alle usanze di buon vicinato quando chi aveva cotto delle focacce, fatte con della farina ricevuta in prestito, ne donava qualcuna al suo vicino il quale ricambiava con del pane, quindi una grande pagnotta per delle piccole focacce.
Alla piccolezza mentale del sopruso si risponde con la generosità dello stupore.

Ancora più importante di far sentire il proprio figlio unico, era fondamentale non farlo sentire solo. La compagnia è il primo luogo in cui si sperimenta il valore di sé: la famiglia di Madden ce lo ha ricordato con un gesto semplice, creativo, attento alla realtà che ospita sempre risposte adeguate alle nostre domande, a patto che sgraniamo gli occhi a cercarle.

Un aforisma bellissimo di Chesterton dice: «Si può concedere ai matematici che quattro sia due volte due, ma due non è due volte uno: due è duemila volte uno». Un abisso separa la solitudine del numero 1 dalla presenza di un amico che ti catapulta nell’essere 2. Non sarà il gatto uguale identico a cambiare la vita di Madden, ma il gatto è un segno visibile di un messaggio chiaro: c’è Chi ti ha pensato dalla notte dei tempi, e non ti lascia solo, si compiace di te.




Leggi anche:
Quando Dio parla attraverso gli animali

Noi mamme dobbiamo avere la grinta della leonessa se serve, ma possiamo tenerla da parte per circostanze davvero serie. Santa Ildegarda suggerì a Federico Barbarossa come dritta per essere un buon imperatore «non devi essere il vertice, sii il centro», cioè: chi guida qualcun altro (sia un regno, sia la prole) non deve ambire a essere sempre la punta di riferimento che sparge giudizi, invettive a destra e manca; è ancora più importante essere punti che riverberano il fuoco da cui spande la luce che ci illumina tutti. Guardare il centro, mettere a fuoco il senso, è più fruttuoso della presuntuosità di mettersi sul trono.
Trovare la chiave di lettura giusta delle circostanze è un miracolo, talvolta. Anche di quelle piccole. Come memento a me stessa terrò questa storia familiare: la reazione istintiva alla cattiveria non genera nulla di buono, c’è qualcosa di creativamente generoso che puoi fare? Ti va di metterti a cercarlo?

[protected-iframe id=”e33dbe0cdb350e160a262b2bd08a0847-95521288-57466698″ info=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fchristinavhumphreys%2Fposts%2F1994676957213354&width=500″ width=”500″ height=”845″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

Tags:
bullismogattimamma-figlio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni