Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Qui presso a Te. Storia di Rosa, Yussef e Joana che non hanno abbandonato Gerusalemme

Widok na Kopułę na Skale i starą Jerozolimę z kościoła Dominus Flevit (łac. Pan zapłakał) na zboczu Góry Oliwnej. Fot. Or Hiltch | Getty Images
Condividi

Oggi celebrando la Via Crucis siamo tutti col cuore nei luoghi della Passione, ma grazie alla Custodia di Terra Santa le famiglie cristiane possono rimanere ad abitare accanto ai siti sacri

«Non ho mai lasciato la mia casa». Rosa, 73 anni, oggi vive da sola in un’antica casa della città vecchia di Gerusalemme. «Da più di cent’anni la mia famiglia è sempre vissuta qui e questi muri per me, rappresentano tutto». Ma c’erano numerose infiltrazioni d’acqua e spesso Rosa doveva utilizzare dei secchi per raccogliere l’umidità che scendeva dai muri. «Era diventato invivibile» racconta Rosa, che a quel punto si è rivolta alla Custodia di Terra Santa. Con il progetto La nostra casa Gerusalemme e Betlemme, anche attraverso il sostegno di ATS pro Terra Sancta, i francescani aiutano le famiglie cattoliche della Città Vecchia di Gerusalemme con interventi di restauro e consolidamento delle case che sono molto antiche.

I costi dei lavori sono spesso insostenibili per famiglie, così l’Ufficio Tecnico della Custodia provvede al restauro di ambienti domestici e a crearne di nuovi per assegnarli a famiglie più bisognose. «Queste case accanto ai Luoghi Santi – spiega fra Sergey Loktionov (Direttore dell’Ufficio Tecnico) – e la comunità che ci vive, rappresentano il cuore pulsante della ormai piccola comunità cristiana cattolica di Gerusalemme, senza di loro la Gerusalemme cristiana non esisterebbe più. Per questo vanno aiutati a rimanere».

Durante i lavori spesso emergono tesori nascosti di una storia millenaria. Sotto la casa di Rosa, per esempio «esistono ambienti oggi abbandonati, alcuni perfino di età crociata, che stiamo pensando di restaurare e sfruttare» come spiega Issa, il capo cantiere. «Una volta, in uno di questi ambienti abbiamo perfino trovato una tomba di età crociata!».

Gerusalemme Vecchia infatti è una città che è stata distrutta e ricostruita innumerevoli volte e per questo, sotto lo strato attuale, è facile trovare interi spazi abitativi. Dato che non è più possibile costruire nuove abitazioni in Città Vecchia, alcuni di questi spazi vengono sfruttati per costruire nuove stanze per le famiglie più numerose o per accogliere nuove famiglie. La Custodia affitta le nuove abitazioni alle famiglie ad un prezzo molto basso e questo le incentiva a tornare e rimanere accanto ai Luoghi Santi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.