Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando Padre David Turoldo spronava Don Tonino Bello: non tacere!

TONINO BELLO DAVID TUROLDO
Pubblico Dominio
Condividi

La corrispondenza segreta tra i due sacerdoti: il sacerdote poeta invitava a non scoraggiarsi al vescovo di Molfetta, censurato per le sue posizioni dure contro la Guerra del Golfo

La corrispondenza segreta tra Padre David Turoldo e Don Tonino Bello. Il vescovo di Molfetta apriva il suo cuore con l’amico sacerdote-poeta per confessare le sue difficoltà ad essere presente a Tricase, dove Turoldo era in visita.

Don Tonino, infatti, era stato richiamato dai suoi Superiori per i suoi duri sermoni contro i fautori della Guerra del Golfo. Siamo nell’ottobre 1987. Giancarlo Piccinni in “Don Tonino sentiero di Dio” (edizioni San Paolo) riporta il carteggio originale.

Leggi anche: Turoldo, 1945: l’Europa non può essere che cristiana o non essere

La poesia di Turoldo

Da Molfetta, Don Tonino scriveva a Padre David: «La gioia di saperti onorato dalla mia Tricase pareggia e sopravanza l’amarezza di non poter essere presente alla festa che gli amici ti faranno. Trasformerò in preghiera il mio disappunto, così come tu trasformi in poesia l’affanno delle cose e l’asprezza del quotidiano».

L’amore per Dio

Quando era giovane, grazie alla poesia di Padre David, Don Tonino ha compreso che «si può amare Dio con cuore di carne: non con vaporosi sospiri di angeli, ma con accenti intrisi di terra, infocati di passione, vibranti di gaudio, di dolore, di morte».

Leggi anche: Le omelie inedite di Don Tonino Bello su Gesù e la morte “serena”

La carne dei crocifissi

«Ma grazie, soprattutto – proseguiva il vescovo di Molfetta – perché, ora che imperversa nella mia vita lo spasimo della maturità, la tua poesia mi fa capire che si può amare la carne con cuore di Dio: la carne della storia, anzi della cronaca bianca e nera, la carne dei poveri e dei crocifissi».

Infine, un abbraccio di Don Tonino, «col sentimento del debitore che sa di doverti tanto, ma che non può restituirti nulla, se non un’amicizia senza limiti».

I “silenzi” forzati di Don Tonino

Padre David gli rispondeva poco dopo: «Mi dicono che sei stato richiamato per le tue scelte, per i tuoi interventi: che non è bene parlare troppo contro le armi; che non è bene intervenire contro la tragicommedia del Golfo, eccetera».

Leggi anche: I 3 carismi di padre David Maria Turoldo, il poeta di Dio

“Intervieni sempre di più”

Ebbene, sentenzia Turoldo, «non solo ti sono vicino, ma oso perfino darti un consiglio: a maggior ragione intervieni, intervieni sempre di più; e insieme di’ che sei stato richiamato, dillo pubblicamente; perché di questo hanno paura. Sono anche vili, come sappiamo».

Padre David esortava Don Tonino a non restare in silenzio: «Se non intervieni, e non dici pubblicamente come stanno le cose, ti andrà sempre peggio. E loro diventeranno sempre più arroganti. Appunto perché sono vili: cioè, forti coi deboli e deboli coi forti».

“Non scoraggiarti..”

Infine un’altra sollecitazione accorata: «Per amore dei poveri e della verità; e cioè per amore della Chiesa e della pace, non scoraggiarti, caro fratello vescovo! Tanto più che di vescovi – chiosa Padre David – in cui confidare ce ne sono così pochi».

Leggi anche: Cosa accomuna don Tonino Bello a Papa Francesco?

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni