Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconSpiritualità
line break icon

Quando soffri di solitudine, la tua fede ha due opzioni

MAN,ALONE,MOVIE,THEATRE

Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 28/03/18

Sono pronto a soffrire per l'oblio e l'odio ingiusto?

Domenica molti sostenevano Gesù e lo acclamavano con rami e canti, ma qualche giorno dopo, il Giovedì Santo, quando cade la notte lo lasciano solo.

Gesù sperimenta allora la solitudine più assoluta: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” Soffre l’abbandono, l’umiliazione. Nel dolore di tanta solitudine si trova da solo con suo Padre.

E nel suo cuore vive ciò che spiega il profeta:

“Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio e io non ho opposto resistenza, non mi sono tirato indietro. Ho presentato il dorso ai flagellatori, la guancia a coloro che mi strappavano la barba; non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi. Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto confuso, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare deluso” (Isaia 50, 5-7).


MAN CHILE CROSS

Leggi anche:
Il paradosso della croce: uno strumento di maledizione che diventa via di salvezza

Si dona completamente senza opporre resistenza, e in questo abbassamento Dio gli va incontro:

“Non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce” (Filippesi 2, 6-8).

È stato sottoposto a una morte ignominiosa. A una croce dolorosa. Il disprezzo, l’abbandono, l’oblio.

Aveva parlato con parole piene di saggezza. Aveva guarito malattie incurabili. Aveva rinnegato se stesso per amore. E in cambio ha ricevuto solo oblio e disprezzo. “Crocifiggilo”.




Leggi anche:
Se non mi piace la croce posso essere cristiano?

  • 1
  • 2
Tags:
fedegesù cristosolitudine
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni