Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Antonio Banderas: “La Settimana Santa mi fa avvicinare moltissimo alla Chiesa”

ANTONIO BANDERAS
Jorge Guerrero - AFP
Condividi

La Domenica delle Palme l'attore ha ricordato davanti alla Vergine una persona molto speciale

Per pochi è un segreto che Antonio Banderas si rechi da molto tempo a Malaga (Spagna) durante la Settimana Santa per il suo appuntamento con Maria Santissima delle Lacrime e dei Favori delle Reali Confraternite, presso cui è incaricato di guidare il trono della Vergine al suono della campana per le vie della città.

Quest’anno, però, è stata un’occasione speciale e particolarmente toccante, visto che si è trattato della prima volta in cui Banderas lo ha fatto senza la presenza della madre Ana, morta nel novembre scorso.

Per questo Antonio e suo fratello Francisco Javier hanno chiesto il permesso di collocare un nastro nero alla campana del trono della Vergine sabato sera per la processione della domenica, permesso accordato perché anche la signora Ana partecipava alle celebrazioni vestendo la Vergine e mettendole tutti gli ornamenti.

La Domenica delle Palme l’attore era accompagnato dalla figlia Stella del Carmen (che da cinque anni non si recava a Malaga per la Settimana Santa), dalla fidanzata Nicole Kimpel, dall’attore Alex Rich e dal regista Ken Biller, che ha girato il progetto più recente di Banderas, la serie Genius: Picasso (ragione del suo attuale aspetto fisico, che è stato oggetto di molti commenti).

L’attore spagnolo ha voluto che conoscessero la bellezza di queste tradizioni e perché la Settimana Santa è tanto importante per lui. “C’è stato un momento della mia vita in cui mi sono allontanato un po’ dalla Chiesa. Cercavo di trovare un legame spirituale con altri luoghi finché nel 1994, dopo un intervento a cui si era sottoposto mio fratello per il quale abbiamo temuto molto, mi sono reso conto che non dovevo cercare troppo lontano, che avevo sempre avuto davanti agli occhi quel legame con il trascendente e che si realizzava anche in un modo che seguiva le nostre tradizioni, che non dovevano andare da Buddha, perché erano lì – sono personaggi della spiritualità, della religione, che avevo nel mio quartiere. Quel modo di comunicare e di collegarmi al trascendente attraverso la Passione di Cristo… La Settimana Santa mi lega di più a Cristo ed è quello che mi fa avvicinare di nuovo moltissimo alla Chiesa”, ha affermato in un’intervista all’emittente COPE Málaga.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.