Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
For Her

Antonella Clerici ricordando Frizzi si stupisce del mistero fecondo della morte

FRIZZI CLERICI

Rai I Ieri e Oggi

Annalisa Teggi - Aleteia - pubblicato il 28/03/18

Di fronte a ogni lutto siamo più coscienti che il bene resta e chi lo ha fatto muore; lo spettacolo va avanti non perché deve, ma perché non siamo destinati alla polvere

Oggi si è tenuto il funerale di Fabrizio Frizzi; già da ieri la camera ardente allestita in Rai è stata visitata da migliaia di persone comuni, segno di un affetto sincero per una persona famosa eppure compagna di tante cene in famiglia. Ascoltando le domande fatte nel quiz L’eredità, io ne approfittavo per interrogare mio figlio maggiore in storia, geografia, matematica. Anche i miei bambini sono rimasti colpiti da questa morte improvvisa, quasi fosse un furto.

Non è finto piangere un personaggio famoso che se n’è andato, perché la dinamica della mancanza è una delle cose più preziose che abbiamo, anzi è il paio d’occhiali che rende preziose le cose. Telemaco in mancanza di suo padre Ulisse fece dell’attesa un’occasione unica di crescita.


CARRÀ FRIZZI

Leggi anche:
La Carrà non pensa sia tardi per fare qualcosa per Fabrizio Frizzi (VIDEO)

Ogni presenza che ci viene tolta, fosse anche un volto del piccolo schermo, ci fa sbattere contro l’obiezione della perdita; fino a ieri sera lui c’era e ora non c’è. Ripetere sempre, di fronte a ogni lutto, «Ma perché?» è un modo franco per snebbiare la vista.

Se lo è chiesto anche Antonella Clerici ieri, amica e compagna di lavoro di Frizzi da una vita, quando ha ripreso a condurre La prova del cuoco pur avendo il dolore nel cuore. Le legge non cambia, the show must go on. Forse dovremmo modificare leggermente la frase, the show keeps going on. In quattro minuti scarsi, un tempo tutto necessario, la Clerici ha aperto la sua trasmissione confessando il suo stato d’animo, arrivando a confrontarsi con la domanda che tutti ci siamo fatti: perché un papà deve lasciare la sua bambina di cinque anni?

https://www.youtube.com/watch?v=Oh5a-CZNDSA

Mi ha colpito che Antonella abbia risposto: «E poi abbiamo capito». Cosa? Che c’è un mistero eloquente nella morte. Se così tanta gente è accorsa a dare un ultimo saluto al conduttore buono e gentile – nota la Clerici – vuol dire che ha capito sul serio che persona era Fabrizio. È strano eppure accade in ogni lutto, il momento della perdita porta in dote uno svelamento: improvvisamente diventa più chiaro chi è la persona perduta. Passiamo giornate, anni interi a sforzarci di far capire il nostro io al mondo, al di là delle maschere e dei fraintendimenti altrui, e poi ecco … è proprio la morte a dipingere sul viso di un essere umano i suoi tratti più autentici. Non saprei dire perché è così, ma so che l’ho vissuto a tutti i funerali di amici e parenti persi.


FABRIZIO FRIZZI

Leggi anche:
Fabrizio Frizzi era devoto alla Madonna e a santa Gemma Galgani

Forse è un piccolo anticipo, un soffio di eterno che ci viene dato per guardare la nostra carne con lucidità ma senza disperazione. Siamo terrestri, dunque mortali, ma ciò che facciamo non è destinato alla polvere. Il signor Frizzi era persona generosa e questa operosità nel bene ha avuto come effetto un ritorno di bene gigante da parte della gente comune che lo ha salutato alla camera ardente. Questo nota la Clerici, stupendosi del riscontro tangibile che la legge dell’amore genera.

È così. Eppure c’è da stupirsi tutte le volte. È quasi un riscontro oggettivo il bisogno di Pasqua che c’è nel cuore dell’uomo. Urge il desiderio che la morte non sia una tomba, ma una strada aperta a trovare il volto più chiaro, svelato e compiuto di noi. Il seme che muore dà frutto, dice il Vangelo e quante volte lo abbiamo ascoltato.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
fabrizio frizzimorte
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni