Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da quando si contano i secoli a partire da Cristo?

Jacek Halicki/Wikipedia
Condividi

Un evento unico ha introdotto un cambiamento molto significativo nel modo di calcolare il tempo

Nel VI secolo, nella fattispecie nell’anno 525 grazie al monaco Dionigi il Piccolo, si iniziarono a calcolare gli anni a partire dalla nascita di Gesù Cristo.

Il Papa aveva incaricato il monaco di eseguire un calcolo dell’anno di nascita di Cristo per le datazioni che usava la Sede Apostolica, e la Chiesa iniziò a datare con questo i suoi documenti più importanti. In seguito il calcolo venne adottato anche dagli Stati.

Leggi anche: 15 curiosità sul calendario gregoriano

Successivamente, nel XVII secolo, si iniziò anche a contare il tempo precedente con questo riferimento. Attualmente ci troviamo quindi nell’anno 2018 dopo Cristo (abbreviato d.C.).

La nuova cronologia introdotta dal cristianesimo rappresentò un grande cambiamento: non si partiva più da un punto iniziale dal quale progrediva la numerazione (ad esempio l’inizio di un regno), ma da un punto centrale.

A partire dalla nascita di Cristo, considerato il centro della storia, si calcola il tempo precedente in modo decrescente e quello successivo in modo crescente.

Leggi anche: Com’è il calendario della Bibbia?

In alcuni ambiti, soprattutto in inglese, si usa attualmente la definizione “era comune” per evitare i riferimenti a Cristo, ma il calcolo del tempo continua a prendere come riferimento un evento unico nella storia: la nascita di Gesù di Nazareth.

Anche se questo è il modo di calcolare il tempo più diffuso in Occidente, esistono anche altri calendari, tra i quali quello ebraico (secondo il quale ci troviamo nell’anno 5778 dalla fondazione del mondo), quello cinese (per il quale è da poco iniziato l’anno 4716) e quello musulmano (per il quale siamo nell’anno 1439).

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.