Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Lele Joker è morto: era felice di vivere e ha affrontato con coraggio una dura malattia

LELE JOKER

YouTube I Lele Joker

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 26/03/18

E’ stato forte il piccolo Lele, forte il suo papà, forte la sua mamma; adorabile il fratello, gli amici, la graziosa sorellina. Ma non gli serviva il nostro tifo, se non come pretesto per stargli vicino; certo ci ha messi lui dalla parte degli spettatori ma siamo suoi commilitoni e come lui abbiamo la stessa battaglia da affrontare e vincere. Non gli servono (solo) followers rumorosi ed entusiasti ma intercessori. A Lele e alla sua famiglia sono serviti ottimi medici, resistenza fisica e psicologica; sostegno e amore. Ma non sono bastati. O forse sì; perché la sconfitta vera non è la morte.


Therese of Lisieux Joan of Arc Lúcia Santo Francisco and Jacinta Martos

Leggi anche:
Bambini, adolescenti, ragazzi: come si fa a diventare santi se si è così giovani?

A Gabriele serve Cristo. Anche i bambini sanno che si muore, anche i fanciulli sanno che siamo fragili, che il male incombe, che la vita, di suo, prosegue nel suo incedere spesso ingiusto. Anche i figli sanno che si può arrivare al traguardo finale prima dei genitori. Penso che in questo bimbo così intelligente e sensibile, così buono e docile, sebbene combattivo, si annidasse anche uno specifico struggimento tipico dei figli: il timore di fare soffrire la mamma e il papà. Aveva bisogno, Lele, di sapere che Cristo, proprio Gesù di Nazaret era con lui e con i suoi. Ma ora lo sa. Questo avrebbe saziato la sua fame più di milioni di iscritti al canale. Avrebbe dovuto venire a sapere che lo amava; che il bene che passava dalle cure mediche veniva da Lui. Che la forza di sopportare iniezioni, radiazioni o altro l’ha presa da Lui. Che la sua piccola vita è preziosissima per Lui, fosse anche il solo che lo guarda e lo segue. E che non vuole che soffra e muoia. Non invano, non per sempre.

A questo adorabile bambino, reso più puro ancora dalla sofferenza, è toccata in sorte la partecipazione alla sofferenza di Cristo. Siamo nel pieno della Settimana Santa e Gabriele si è trovato innestato direttamente nell’architrave che sostiene tutta la storia: la passione e morte di Cristo.

A Lele, noi cristiani, non avevamo da offrire il tifo per i suoi teneri sogni e pollici in su per tutti i suoi video, ma preghiere. Ora soprattutto per la consolazione dei suoi cari. Perché, lo dice un Dottore della Chiesa, “I fanciulli non si dannano”

  Perciò i fanciulli non si dannano. Non si dannano perché l’unica loro caratteristica è quell’apertura di cuore che impedisce l’indurimento e il rifiuto. Non si dannano perché la loro fiducia è tale da superare qualsiasi abisso. Non si dannano perché portano nelle loro mani innocenti tutto il sangue di Cristo innocente. Non si dannano perché invocano con la loro stessa esistenza la maternità di Maria. Non si dannano perché a un bambino Dio può aprire sempre le braccia. (da Consigli e ricordi, S. Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo)
  • 1
  • 2
Tags:
dolore innocenteeducazioneresurrezione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni