Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una cattedrale per il Bahrein dedicata a Nostra Signora d’Arabia

Condividi

Una delle monarchie petrolifere del Golfo riceverà presto il segno visibile dell'aumento dei cristiani nella regione

Sarà la seconda chiesa del Bahrein, ma non una qualsiasi: tra pochi giorni inizieranno i lavori di costruzione di una grande cattedrale, capace di accogliere più di mille fedeli, in un Paese che attualmente ha circa 80.000 cattolici.

I lavori, previsti a partire dal mese di aprile, secondo monsignor Camillo Ballin, vicario apostolico dell’Arabia settentrionale, dovrebbero durare quattro anni. Dal 2021, ha spiegato il presule, la cattedrale sotto il patrocinio di Nostra Signora d’Arabia testimonierà la presenza cristiana sul suolo musulmano di una delle potenti monarchie petrolifere.

Un numero sempre più consistente di cristiani nei Paesi del Golfo

Questo vasto progetto è stato deciso cinque anni fa, dopo la cessione alla comunità cristiana di un terreno a una ventina di chilometri a sud della capitale, donato alla Chiesa dal re Hamad bin Isa Al Jalifa. La monarchia sunnita dirige questo arcipelago del Golfo Persico, situato tra il Qatar a est e l’Arabia Saudita a ovest.

L’islam domina ampiamente il paesaggio politico e religioso del Bahrein – è la religione di Stato e la sharia (la legge islamica) è la fonte di tutto il diritto –, ma poco più dell’8% della popolazione è costituito da cristiani, ed è una percentuale che non smette di aumentare. Tra i Paesi coperti dal vicariato apostolico (Qatar, Arabia Saudita e Kuwait), la popolazione cristiana si conta in milioni, ha precisato monsignor Ballin.

Per la maggior parte i cristiani sono immigrati, soprattutto filippini, ma anche dell’India, che giungono nei Paesi del Golfo per via della necessità di manodopera.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni