Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconFor Her
line break icon

Aleks Patete, un tumore scoperto in gravidanza: perché dovrei uccidere mio figlio che mi ha salvato la vita?

Aleks Patete

YouTube I NollyGrio

Annalisa Teggi - Aleteia - pubblicato il 26/03/18

Storia di una mamma che ha detto no all'aborto terapeutico e ci aiuta a ricordare che esistono percorsi di cura per le donne in gravidanza con un tumore

«È un miracolo, Dio ha mandato DJ per salvarmi la vita». Così ha dichiarato la 28enne Aleks Patete non appena il dottore le ha comunicato che la sua cisti all’ovaio era un tumore maligno. Questa giovane americana dell’Ohio ha scoperto la brutta notizia durante un controllo di routine alla settima settimana di gravidanza.
I medici le hanno suggerito con insistenza di abortire e cominciare un ciclo di chemio per aggredire da subito il tumore. Lei non ha avuto il minimo dubbio e ha rifiutato dicendo: «Lui mi ha salvato la vita, ora è il mio turno di salvarla a lui» (da Phoenixnewsonline).


LELE JOKER

Leggi anche:
Lele Joker è morto: era felice di vivere e ha affrontato con coraggio una dura malattia

Sono tempi, i nostri, in cui vale la pena sfoderare il paradosso quando il buon senso manca. Aleks ha avuto la prontezza di porgere un’evidenza con una prospettiva nuova, insolitamente stupefacente. Tutto ciò che è innato, e poteva essere scontato, oggi non lo è e chiede – cocciutamente – di essere guardato con occhi nuovi per manifestare la sua verità. Una madre è legata al proprio figlio da subito, appena sa di essere incinta si sente due e non più uno; le è innato essere premurosamente custode della vita che cresce nel suo grembo.




Leggi anche:
Tumore al seno: quando la malattia compare in gravidanza

Eppure è così frequente scindere questa unità, a forza di ideologie e sofismi soprattutto; l’istinto invece rema in direzione opposta al «scegli tu se tenere o non tenere» o al «la libertà della donna è un diritto acquisito». Se s’insinuano questioni gravi inerenti la salute, anziché alzare l’asticella della sfida, interrogando la ragione senza scinderla dall’affettività, si scende la china con una logica divenuta difficile da scardinare: cura te stessa e abortisci. Chiunque si azzarda a osservare la faccenda da una prospettiva diversa è giudicato al pari di un pazzo o peggio.

Ma una madre non può che vederla diversamente, perché lei sa che la malattia che la colpisce sta al pari colpendo suo figlio. Sono tutt’uno, è una battaglia congiunta. È questo il messaggio di Aleks che ha portato avanti la gravidanza e ha scelto di fare una chemioterapia che non mettesse a rischio la vita del bimbo: le dosi del trattamento sono state ridotte e ha fatto ecografie frequenti per monitorare la salute del bimbo.

Si tratta di una scelta per nulla facile, fisicamente ed emotivamente; non è un percorso che diventa leggero solo perché si è certi che Dio è al fianco di chi soffre. Dice di essere stata spaventata a morte tutti i giorni e di aver pianto fino allo sfinimento, la giovane signora Patete. Ma non è stata sola, si è affidata al sito HopeForTwo che si occupa di accompagnare le madri affette da cancro durante la gravidanza. Dunque, diciamolo a tutti coloro che si trovano o si troveranno in una situazione così terribile: non ci sono sentenze di morte scritte a priori, né per il feto, né per la madre. Anche in Italia c’è chi come Airc si adopera per sostenere e informare le famiglie in questa necessità.

  • 1
  • 2
Tags:
abortomaternitàtumore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni