Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconChiesa
line break icon

La cosa più importante per un sacerdote? Mai perdere lo “zelo apostolico”

general audience

Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 23/03/18

Secondo Papa Francesco è la priorità assoluta. Ma cerchiamo di capire di cosa si tratta

«Mi pare una buona cosa che al centro del ministero sacerdotale si ponga il “non perdere lo zelo apostolico“. Ho sempre creduto che sia questa la grande grazia dello Spirito alla Chiesa e ai suoi pastori: uscire con coraggio in strada, nelle periferie, dove tanti fratelli hanno bisogno di provare la gioia del Vangelo, che Dio è Padre misericordioso e che davvero non vuole che gli si perda nemmeno uno solo dei suoi piccolini».

Papa Francesco lo scrive in una lettera a Padre Diego Fares, pubblicata in “Dieci cose che papa Francesco propone ai sacerdoti” (Fares, Ancora editrice).

La “Buona notizia”

Ma che cosa è lo zelo apostolico? Fares spiega: è l’istinto evangelico di uscire di corsa a raccontare la “Buona notizia a tutti” – perché siamo stati perdonati, guariti, alimentati, scelti – che sta al centro delle raccomandazioni di Francesco.

L’annuncio del Vangelo e i sacramenti

Per non perdere lo zelo apostolico e “fare” bene le cose, il Papa raccomanda una preghiera e un modo di operare discreti, che privilegiano le persone alle cose. La preghiera che il Papa raccomanda ai sacerdoti non è la preghiera propria della vita contemplativa, ma quella della vita attiva. La spiritualità sacerdotale si alimenta del ministero, in cui stanno al primo posto l’annuncio del Vangelo e il dono dei sacramenti.

Nè monaci, né clausura

Non si tratta di pregare, sottolinea Fares, come monaci di clausura o di prendere in prestito spiritualità particolari. La preghiera sacerdotale si orienta alle virtù di cui il sacerdote ha bisogno per il suo ministero. È una preghiera che trova nella Parola – specialmente in quella che deve predicare – il suo principale alimento.

Da un lato porta a Dio i dolori e le gioie del suo popolo. Dall’altro lato tocca il cuore di Dio e vi si addentra per cercare le grazie di cui la sua gente ha bisogno.




Leggi anche:
10 frasi significative di papa Francesco sulla formazione dei sacerdoti

Imparare a sopportare dolori e insuccessi

Dice ancora Francesco ai sacerdoti, durante l’incontro con la famiglia di Schönstatt:

Bisogna pregare con coraggio. “Tutto quello che voi chiedete nel mio nome, se lo chiederete con fede e crederete di ottenerlo, lo avrete già”. Chi prega così? Siamo fiacchi. Il coraggio, no? La pazienza. Sopportare le contraddizioni, sopportare gli insuccessi nella vita, i dolori, le malattie, le situazioni dure della vita.




Leggi anche:
Papa Francesco ai sacerdoti: accogliete con misericordia come il Buon Pastore

La discrezione del sacerdote

In sostanza, si deve seguire una direzione precisa per trovare questa condizione di zelo? Fares chiarisce: Papa Francesco è solito lasciare “le cose” da fare nelle mani di ogni sacerdote, di ogni comunità, di ogni popolo. Bada di più a “come” vanno fatte le cose per conquistare il cuore delle persone. E questo “come”, questo stile e modo di fare le cose, implica una preferenza e richiede discrezione.

Poiché «gli interessi di Gesù Cristo» (Fil 2,21) e quelli della salvezza delle persone, sono le uniche caratteristiche fondamentali e vincolanti dello zelo apostolico.




Leggi anche:
Papa Francesco ringrazia il servizio silenzioso dei sacerdoti

Entusiasmo e nessuna tristezza

Per Francesco, le parole che più stimolano lo zelo apostolico restano quelle dell’Evangelii nuntiandi: il nostro popolo fedele ci chiama e desidera «ricevere la Buona Novella non da evangelizzatori tristi e scoraggiati, impazienti e ansiosi, ma da ministri del Vangelo, la cui vita irradi fervore, che abbiano per primi ricevuto in loro la gioia del Cristo» (EN 80).

Tags:
papa francescosacerdoti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni