Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 25 Giugno |
home iconFor Her
line break icon

Millie Bobby Brown, star di Stranger Things: essere sorda (da un orecchio) mi dà più grinta (VIDEO)

MILLIE BOBBY BROWN

Alberto E. Rodriguez I GETTY IMAGES NORTH AMERICA I AFP

LOS ANGELES, CA - JANUARY 29: Actor Millie Bobby Brown attends the 23rd Annual Screen Actors Guild Awards at The Shrine Expo Hall on January 29, 2017 in Los Angeles, California. Alberto E. Rodriguez/Getty Images/AFP

Annalisa Teggi - Aleteia - pubblicato il 23/03/18

Un esempio in più sotto i riflettori di come un handicap possa essere una risorsa, perché la vita è un'avventura imprevedibile e non un copione per automi perfetti

A soli 13 anni è una star in crescita esponenziale, 15 milioni di followers su Instagram e guadagnerà 250mila dollari ad episodio per la terza serie di Stranger Things. Per tutti Millie Bobby Brown è Undici, uno dei personaggi più interessanti del piccolo schermo degli ultimi anni, un’interpretazione fondata principalmente sullo sguardo.
Ho amato tantissimo Stranger Things, perché finalmente si ritorna a parlare di amicizia tra ragazzi nella forma più avventurosa, quella che si confronta con il mistero, il male e la morte, quella in cui non c’è dubbio tra la categoria del bene e del male. Tutti i personaggi che ne fanno parte sono gente imperfetta e ferita, perciò con un senso di solidarietà autentico. Appartengo alla generazione cresciuta coi Goonies e Stand by me, amo l’umanità debordante e imperfetta di Dickens e adoro aprire ogni singolo libro di Agatha Christie.

In Stranger Things ho ritrovato una creatività d’altri tempi, senza ammiccamenti a morbosità estreme. Il personaggio di Undici è senz’altro quello che cattura maggiormente l’attenzione: il suo vero nome è Jane, ma lei lo scoprirà molto più tardi e si tiene addosso un numero come identità, quello che le è stato tatuato sul braccio nel laboratorio dove l’hanno usata come cavia umana. La sua memoria è monca, la parola incerta; Undici è una giovanissima ragazza che si apre al mondo con innocenzatotale eppure con poteri soprannaturali in grado di mettere sottosopra la vita di una tranquilla cittadina americana.




Leggi anche:
7 film della Pixar per parlare (e dibattere) della famiglia

Sente fortissimo il bisogno di legami, avendo trascorso l’infanzia tra scienziati che la trattavano come esperimento. Bellissimo il rapporto padre-figlia che nasce tra lei – in cerca della madre perduta – e lo sceriffo Hopper – caduto nell’alcolismo in seguito alla perdita della figlia. Sono due nostalgie di bene che s’incontrano. Per quanto ripetitivo possa essere, la mancanza e la perdita sono i reagenti che ci permettono di guardare con nuda onestà il bisogno di essere amati.

Non c’è da stupirsi che il pubblico si sia affezionato a Unidici e all’attrice che la interpreta, guarda caso molti aspetti di Jane ricordano i tratti più generosi della figura cristologica: dare la vita per gli amici, essere una presenza di salvezza più che umana tra gli uomini. È un buon segno che gli spettatori si aggrappino ancora a storie che parlano del valore del sacrificio senza se e senza ma. La fama di Millie Bobby Brown è interamente legata a ciò che il pubblico ama in Undici-Jane, dobbiamo leggere così i numeri da record dei followers e dei guadagni.


SPEECHLESS

Leggi anche:
Speechless. Una serie americana che ha davvero qualcosa da dire

Così giovane, così seguita, tante grandi speranze. Eppure anche la storia di Millie Bobby Brown non è solo rose. È di una bellezza rara, delicata eppure disarmante. Non è perfetta, come il mondo patinato vorrebbe sempre suggerire dietro le foto stratosferiche delle dive che calcano i red carpet. In una recente intervista a Variety, Millie ha raccontato di essere nata con un difetto uditivo che nel tempo l’ha portata alla completa sordità da un orecchio. È senz’altro un handicap invalidante per un’attrice e cantante; l’interazione sul set si basa sull’ascolto e l’interpretazione dipende anche dalla capacità di ascoltarsi. Eppure la Brown ce l’ha fatta, con caparbietà e passione, segno che è una bugia facilmente screditabile l’idea che solo chi è senza difetti e ferite sia degno di grandi traguardi.

  • 1
  • 2
Tags:
filmhandicap
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
5
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
6
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
7
Gelsomino Del Guercio
Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tu...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni