Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
For Her

Alberto è un cuoco e sogna un ristorante tutto suo. Sì, ha anche la sindrome di Down

ALBERTO MERONI

Facebook I Scoprirsi Down

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 22/03/18

Ha passione, idee chiare, due genitori che lo sostengono e già in testa il menu del locale dei suoi desideri

Leggendo il nuovo numero di BenEssere di aprile, disponibile nelle edicole e in abbonamento in formato digitale, mi sono imbattuta anche in questa bella storia. L’attenzione è stata attirata non solo dall’espressione di Alberto, il ragazzo protagonista, e dal fatto che abbia indicatori somatici della sindrome di Down, ma soprattutto dalla qualità della sua storia, semplice ed eroica insieme. I suoi genitori, Ezio e Ornella, nell’articolo dedicato alla loro vicenda, si affrettano a spiegare che sono una famiglia normale. Sono cose che tocca dire, ai nostri tempi.




Leggi anche:
Annalisa Sereni, 7 figli, l’ultimo con sindrome di down…il più amato

Hanno ragione. E non è una maschera, uno schema di difesa che le coppie con figli portatori di qualche handicap utilizzano per rendere più accettabile la propria condizione. Hanno un figlio, nato a Desenzano del Garda, del quale hanno scoperto la condizione genetica alla nascita. I primi medici si sono premurati con inspiegabile zelo di terrorizzarli. Ma presto, raccontano, ne hanno incontrati altri, di medici, operatori, amici, che invece hanno diradato nubi e suggerito strade. E soprattutto c’era lui, Alberto! Loro figlio, punto.

Certo la sindrome di Down è e resta una condizione genetica anomala che costa alla persona portatrice e a chi se ne prende cura, difficoltà più o meno imponenti sia sul fronte dello sviluppo sia per la conquista di un generale benessere fisico. Ma offre anche di solito in corredo una spontaneità e una capacità affettiva fuori dal comune. I genitori dichiarano apertamente la loro solida fede in Gesù Cristo che si declina in una sublime e molto pratica fiducia nella Provvidenza; in psicologia diventa resistenza e resilienza e sul fronte spirituale in speranza e gioia. Hanno anche scritto un libro insieme, padre e figlio, dal titolo curioso, Scoprirsi Down – La storia di Alberto, raccontata da lui stesso, di Alberto ed Ezio Meroni, Edizioni San Paolo.




Leggi anche:
L’imprenditore con la sindrome di Down che ha creato una compagnia da milioni di dollari

Fatto sta che Alberto si è diplomato all’Istituto Alberghiero di Monza e a Cusano Milanino invece lavora come cuoco, assunto in un ristorante. Fa anche molte altre cose, nel tempo libero:

«Gioco nella Special Olympics della Vero Volley e alleno una formazione giovanile del Consorzio Vero Volley, dove sono assistente coach. Vivo le partite da tifoso, con gli ultras della Vero Volley. Suono i tamburi, guido la curva nei cori. Così mi sembra di essere in campo e di aiutare i giocatori», racconta a BenEssere.

Lui e i suoi vivono a Cinisello Balsamo ma il cuore batte forte per l’amato Lago di Garda. Ha una nonna qua (ci abito anche io!) proprio vicino Sirmione e intende portare avanti il suo locale, che ora è un bar, quando sarà ci saranno le condizioni. Vuole farne un ristorante a menu vegano e vegetariano (ma perché lo hanno traviato, questo ragazzo!) contaminate con la cucina gardesana. Ecco allora, caro Alberto, uno spiedo – pietanza irriducibilmente a base di carne – sulla sponda bresciana del Benaco, mi spiace ma ti tocca.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cucinaeducazionesindrome di down
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni