Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconFor Her
line break icon

Alberto è un cuoco e sogna un ristorante tutto suo. Sì, ha anche la sindrome di Down

ALBERTO MERONI

Facebook I Scoprirsi Down

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 22/03/18

Ha passione, idee chiare, due genitori che lo sostengono e già in testa il menu del locale dei suoi desideri

Leggendo il nuovo numero di BenEssere di aprile, disponibile nelle edicole e in abbonamento in formato digitale, mi sono imbattuta anche in questa bella storia. L’attenzione è stata attirata non solo dall’espressione di Alberto, il ragazzo protagonista, e dal fatto che abbia indicatori somatici della sindrome di Down, ma soprattutto dalla qualità della sua storia, semplice ed eroica insieme. I suoi genitori, Ezio e Ornella, nell’articolo dedicato alla loro vicenda, si affrettano a spiegare che sono una famiglia normale. Sono cose che tocca dire, ai nostri tempi.




Leggi anche:
Annalisa Sereni, 7 figli, l’ultimo con sindrome di down…il più amato

Hanno ragione. E non è una maschera, uno schema di difesa che le coppie con figli portatori di qualche handicap utilizzano per rendere più accettabile la propria condizione. Hanno un figlio, nato a Desenzano del Garda, del quale hanno scoperto la condizione genetica alla nascita. I primi medici si sono premurati con inspiegabile zelo di terrorizzarli. Ma presto, raccontano, ne hanno incontrati altri, di medici, operatori, amici, che invece hanno diradato nubi e suggerito strade. E soprattutto c’era lui, Alberto! Loro figlio, punto.

Certo la sindrome di Down è e resta una condizione genetica anomala che costa alla persona portatrice e a chi se ne prende cura, difficoltà più o meno imponenti sia sul fronte dello sviluppo sia per la conquista di un generale benessere fisico. Ma offre anche di solito in corredo una spontaneità e una capacità affettiva fuori dal comune. I genitori dichiarano apertamente la loro solida fede in Gesù Cristo che si declina in una sublime e molto pratica fiducia nella Provvidenza; in psicologia diventa resistenza e resilienza e sul fronte spirituale in speranza e gioia. Hanno anche scritto un libro insieme, padre e figlio, dal titolo curioso, Scoprirsi Down – La storia di Alberto, raccontata da lui stesso, di Alberto ed Ezio Meroni, Edizioni San Paolo.




Leggi anche:
L’imprenditore con la sindrome di Down che ha creato una compagnia da milioni di dollari

Fatto sta che Alberto si è diplomato all’Istituto Alberghiero di Monza e a Cusano Milanino invece lavora come cuoco, assunto in un ristorante. Fa anche molte altre cose, nel tempo libero:

«Gioco nella Special Olympics della Vero Volley e alleno una formazione giovanile del Consorzio Vero Volley, dove sono assistente coach. Vivo le partite da tifoso, con gli ultras della Vero Volley. Suono i tamburi, guido la curva nei cori. Così mi sembra di essere in campo e di aiutare i giocatori», racconta a BenEssere.

Lui e i suoi vivono a Cinisello Balsamo ma il cuore batte forte per l’amato Lago di Garda. Ha una nonna qua (ci abito anche io!) proprio vicino Sirmione e intende portare avanti il suo locale, che ora è un bar, quando sarà ci saranno le condizioni. Vuole farne un ristorante a menu vegano e vegetariano (ma perché lo hanno traviato, questo ragazzo!) contaminate con la cucina gardesana. Ecco allora, caro Alberto, uno spiedo – pietanza irriducibilmente a base di carne – sulla sponda bresciana del Benaco, mi spiace ma ti tocca.

Tags:
cucinaeducazionesindrome di down
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni