Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

Le omelie inedite di Don Tonino Bello su Gesù e la morte "serena"

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/03/18

La “chiave” del mistero

Don Tonino torna su come Gesù ci ha insegnato a vivere in modo sereno il “trapasso” anche in un altro documento: l’omelia esequiale pronunciata ad Alessano per la signora Luigia Rizzo nei giorni pasquali del 1967..

«Cari fratelli – diceva Don Tonino – la morte che per noi uomini rischia di rimanere disperatamente un problema crudele senza soluzioni, considerata alla luce di Cristo Risorto, diviene motivo della più ineffabile speranza. Sì, Cristo ci ha dato la chiave di questo mistero».




Leggi anche:
Don Tonino Bello e la “Chiesa del grembiule”

“Uno stato transitorio”

Don Tonino cita «il cero pasquale, acceso nella notte del Sabato santo. Quel cero ci dice che Gesù è morto anche lui, ma poi è risorto e ora vive in eterno. Quel cero ci dice che anche noi risorgeremo, che la nostra morte è stata assorbita nella risurrezione di Cristo; ci dice, insomma, che la morte è uno stato transitorio e non permanente, che è un portone d’ingresso nella vera vita e non un cancello d’uscita».

Il conforto del cero pasquale

Rivolgendosi alla platea in chiesa, Don Tonino la rassicura come un buono e saggio padre: «A dispetto della nostra comprensibile mestizia, un’onda di rasserenante conforto si sprigiona da quel cero, simbolo di Cristo. Risorgeremo anche noi, come è risorto il Signore, e ci ritroveremo insieme, e scomparirà per sempre la tristezza della tomba, sulla quale, pur essendo poco profonda, non riusciamo a curvarci senza provare le vertigini. Risorgeremo! L’importante – chiosa il sacerdote – perciò è vivere bene, nutrendo ideali di bontà e di generoso servizio».

  • 1
  • 2
Tags:
buona mortedon tonino bellogesù cristomorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni