Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le omelie inedite di Don Tonino Bello su Gesù e la morte “serena”

© DR
PACIFISTA
"Occorre forse una rivoluzione di mentalità per capire che la pace non e' un dato, ma una conquista.
Non un bene di consumo, ma il prodotto di un impegno. Non un nastro di partenza, ma uno striscione di arrivo. La pace richiede lotta, sofferenza, tenacia. Esige alti costi di incomprensione e di sacrificio.
Rifiuta la tentazione del godimento. Non tollera atteggiamenti sedentari. Non annulla la conflittualità. Non ha molto da spartire con la banale vita pacifica".
Condividi

Ecco le bellissime parole del sacerdote pugliese, che, partendo dagli insegnamenti del Signore, ci insegna ad accogliere in pace d’animo la perdita di un nostro caro

La “chiave” del mistero

Don Tonino torna su come Gesù ci ha insegnato a vivere in modo sereno il “trapasso” anche in un altro documento: l’omelia esequiale pronunciata ad Alessano per la signora Luigia Rizzo nei giorni pasquali del 1967..

«Cari fratelli – diceva Don Tonino – la morte che per noi uomini rischia di rimanere disperatamente un problema crudele senza soluzioni, considerata alla luce di Cristo Risorto, diviene motivo della più ineffabile speranza. Sì, Cristo ci ha dato la chiave di questo mistero».

“Uno stato transitorio”

Don Tonino cita «il cero pasquale, acceso nella notte del Sabato santo. Quel cero ci dice che Gesù è morto anche lui, ma poi è risorto e ora vive in eterno. Quel cero ci dice che anche noi risorgeremo, che la nostra morte è stata assorbita nella risurrezione di Cristo; ci dice, insomma, che la morte è uno stato transitorio e non permanente, che è un portone d’ingresso nella vera vita e non un cancello d’uscita».

Il conforto del cero pasquale

Rivolgendosi alla platea in chiesa, Don Tonino la rassicura come un buono e saggio padre: «A dispetto della nostra comprensibile mestizia, un’onda di rasserenante conforto si sprigiona da quel cero, simbolo di Cristo. Risorgeremo anche noi, come è risorto il Signore, e ci ritroveremo insieme, e scomparirà per sempre la tristezza della tomba, sulla quale, pur essendo poco profonda, non riusciamo a curvarci senza provare le vertigini. Risorgeremo! L’importante – chiosa il sacerdote – perciò è vivere bene, nutrendo ideali di bontà e di generoso servizio».

https://www.youtube.com/watch?v=gXg13wKQBsU

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni