Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le omelie inedite di Don Tonino Bello su Gesù e la morte “serena”

© DR
PACIFISTA
"Occorre forse una rivoluzione di mentalità per capire che la pace non e' un dato, ma una conquista.
Non un bene di consumo, ma il prodotto di un impegno. Non un nastro di partenza, ma uno striscione di arrivo. La pace richiede lotta, sofferenza, tenacia. Esige alti costi di incomprensione e di sacrificio.
Rifiuta la tentazione del godimento. Non tollera atteggiamenti sedentari. Non annulla la conflittualità. Non ha molto da spartire con la banale vita pacifica".
Condividi

Ecco le bellissime parole del sacerdote pugliese, che, partendo dagli insegnamenti del Signore, ci insegna ad accogliere in pace d'animo la perdita di un nostro caro

«Per Gesù la morte non è che un sonno. Un sonno più profondo del sonno comune e giornaliero. Così profondo che soltanto un amore sovrumano lo rompe. Amore dei superstiti più che del dormiente».

Dall’Archivio della “Fondazione don Tonino Bello“, Giancarlo Piccinni in “Don Tonino sentiero di Dio” (edizioni San Paolo) pubblica alcune  profonde e toccanti riflessioni di Don Tonino Bello, scritte in occasione di omelie per le esequie di due persone a lui care.

Le due frasi di Gesù

Due documenti che vale la pena di leggere, in cui Don Tonino parla di come Gesù ci ha insegnato ad accogliere la morte di un proprio caro in pace di animo.

Era il 1968 quando Don Tonino, nella chiesa SS. Salvatore di Alessano (Lecce), per le esequie del giovane Raffaele Bello – figlio di una donna già vedova – citava il Vangelo di Luca (Lc 7, 11-17): l’ingresso di Gesù a Nain, vicino Nazareth.

Gesù incrociò un corteo funebre: era quello del figlio di una giovane vedova, che il Messia consolò – ricordava Don Tonino – con due frasi: “Non piangere”, “Giovinetto, risorgi”.

Come far brillare le lacrime

Sottolinea il sacerdote:

«”Non piangere, donna”. È vero, il dolore ti ha sbarrato più volte la strada. E l’uscio di casa tua si è chiuso ancora, gemendo, dietro un altro che non torna mai più. Ma non sciupare le tue lacrime. Se le versi per terra diventano fango; se le rivolgi al cielo brillano come perle al sole. Gli uomini non le raccolgono perché ne ignorano il valore. Dinanzi alle tue pene altro non sanno fare che tacere. Ma c’è chi le conosce, chi le raccoglie, se tu gliele porgi, e le conta a una a una, e le semina per trarne frutti di consolazione».

Il tramonto di una giornata

Prosegue Don Tonino:

«Ma possiamo dire anche l’altra frase di Gesù: «Giovinetto, risorgi»! Sì, Gesù l’ha detto: Io sono la risurrezione e la vita. Ha assicurato che chi vive credendo in lui non muore per sempre. Ha mostrato nella morte non l’annullamento angoscioso e crudele, ma il tramonto di una giornata; non un portone d’uscita ma una porta d’ingresso. Resta, sì, alla morte il suo peso di pena, ma quanta luce di speranza e quale ricchezza di conforti interiori alleviano quel peso, rasserenando chi parte e chi resta».

Un sonno profondo che si rompe con l’amore

A questo punto, il parroco sentenzia: «Per Gesù la morte non è che un sonno profondo», che un grandissimo amore, quello dei superstiti, può rompere. Ecco perché non bisogna disperare quando si perde un proprio caro o un conoscente: proprio quello deve essere il momento in cui far emergere l’amore di chi è rimasto in vita. Il defunto torna a vivere nell’amore dei superstiti. 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni