Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconArte e Viaggi
line break icon

La comunità cattolica più isolata del mondo abita su quest’isola

SAINT HELENA

Darrin Henry I Shutterstock

Sylvain Dorient - pubblicato il 20/03/18

L’arcipelago Tristan Da Cunha, sperduto in mezzo all’Atlantico, ospita una comunità di 263 abitanti, dei quali un terzo sono cattolici.

Fino a quando non ci si deciderà a colonizzare la Luna, gli isolani di Tristan Da Cunha resteranno probabilmente la comunità umana più isolata al mondo. La terra abitata più vicina è l’isola di Sant’Elena, a 2.420 km a Nordest. Per arrivarci, bisogna prendere una delle barche da pesche che fanno la spola verso Città del Capo, in Sudafrica, e che accettano di dare passaggi. È un viaggio di 3.222 chilometri: due settimane di una rotta marittima che amoreggia con i temibili “quaranta ruggenti”. A queste latitudini, tra il 40esimo e il 50esimo parallelo, i venti sono noti per essere particolarmente violenti e il mare tumultuoso, in ragione della quasi totale assenza di terre emerse che possano frenare gli elementi marini.

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d154437.0113942554!2d-12.354016236875562!3d-37.11618500067025!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x25a3b1a1af6dc9b%3A0x69ee2d95dc98aedb!2sTristan+da+Cunha!5e1!3m2!1sit!2sit!4v1521558483436&w=600&h=450%5D

Il parroco ha il cuore ben saldo

«Il tragitto fu talmente spaventoso che sono persuaso che il capitano abbia seriamente soppesato l’ipotesi di buttarmi a mare, tipo Giona», racconta padre Hugh Allan O.Praem. Porta un largo cappellino: è l’amministratore cattolico delle Isole Falkland e il superiore ecclesiastico delle missioni di Sant’Elena, Tristan da Cunha e dell’Isola dell’Ascensione. Si è recato sull’isola Tristan da Cunha in un peschereccio, nel mese di gennaio 2018. Il prete assicura:

Fare un simile viaggio per 263 persone, di cui poco più di un terzo sono cattolici, può sembrare un investimento sproporzionato, ma la gentilezza e la profonda fede degli isolani lo ripagano largamente.

L’isola non è poi freddissima, avendo una temperatura media di 15°C, ma ha un clima che potrebbe scoraggiare più di un avventuriero, con 250 giorni di pioggia all’anno, un tasso di esposizione solare comparabile a quello dell’Alaska. Eppure degli uomini hanno scelto di abitarci. Dapprima dei soldati britannici, con le famiglie al seguito.

«La fede è la nostra forza»

È in questo aspro contesto che sbarcò quella che è considerata la fondatrice della comunità cattolica dell’isola, Granny Aggie, agli inizi del XX secolo. Era la domestica dell’amministratore dell’isola e inorridì a vedere che sull’isola non c’erano luoghi di culto cattolico, né prete. Malgrado una pressione costante per farle abbandonare la propria fede, a forza di determinazione ottenne il permesso di installare una cappella nella propria stanza.

Nel 1932, padre L.H. Barry fu il primo prete cattolico a visitare l’arcipelago. Scoprì in Aggie una parrocchiana fedele, la descrisse così:

Assisteva alla messa, riceveva i sacramenti, la sua gioia era toccante.

Incoraggiata da questa visita, Granny Aggie si occupò della catechesi dei bambini. E il prete constatò, nella sua visita pastorale successiva, risalente al 1955:

Ho ascoltato le prime confessioni di bambini troppo giovani per ricordarsi anche solo cosa fosse un prete. Erano parecchio meglio preparati di altri che, sul continente, vivevano in parrocchie fornite di sacerdoti.

Granny Aggie, con la propria devozione, ha solidamente radicato la comunità cattolica. Negli anni ’90 quest’ultima ha dovuto far fronte all’assenza prolungata del prete e al declino della pratica religiosa. Quelli che restarono decisero di pregare perché gli amici ricominciassero a frequentare la parrocchia. E furono esauditi: hanno costruito una chiesa più ampia, che viene riempita ogni domenica. Malgrado l’assenza del prete – a parte una visita annuale – la parrocchia continua ad avere una vita attiva, sotto l’impulso di tre catechisti – tre discendenti di Granny Aggie.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
periferiestoria della chiesaviaggi
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni