Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché ci costa tanto pregare? Pensate a questi 7 punti?

Condividi

6. Vi lasciate accompagnare?

“Senza di me non potete fare nulla”, dice Gesù. Ed è vero, da soli non possiamo fare nulla. Per prima cosa è necessario lasciarsi accompagnare da Dio, e se lo stiamo ancora cercando e non lo troviamo è bene lasciarci accompagnare da qualcuno che ci avvicini a Lui: sacerdoti, religiosi e religiose, un catechista, un familiare, un amico… Ciò che conta è non compiere questo cammino da soli, sentire sempre la compagnia di qualcuno su questa terra che ci guidi sul sentiero della Volontà di Dio. Questo va chiaramente contro l’autosufficienza e l’individualismo, perché la fede ha una necessaria dimensione personale ma anche una profonda dimensione comunitaria. Siamo Chiesa, ci aiutiamo ad arrivare a Dio, ci lasciamo accompagnare, ci lasciamo istruire, correggere. Con questo atteggiamento crescerà anche l’umiltà, atteggiamento che Dio ama molto: “Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime” (Matteo 11, 29). Cercate aiuto, chiedetelo e lasciatevi guidare!

Saulo si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla. Così, guidandolo per mano, lo condussero a Damasco, dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere né cibo né bevanda” (Atti 9, 8-9).

7. Confidate nella grazia di Dio?

Bisogna soprattutto confidare in Dio. Santa Teresa lo aveva molto chiaro quando esclamava: “A chi a Dio non manca nulla, solo Dio basta”. È il segreto per eccellenza nella vita spirituale. A chi ha Dio non manca nulla, chi confida in Dio può stare tranquillo e in pace di cuore e spirito. Confidate nel Signore. Confidate nei suoi progetti, nelle sue vie, nel suo infinito amore. La fiducia richiede umiltà, distacco e amore. Con Dio non serve la frase popolare “nella fiducia è il pericolo”, ma al contrario “nella fiducia in Dio è la salvezza”. Dio è vicino, è giusto e misericordioso, è lento all’ira. Dio è Padre, e da buon Padre ci corregge con amore. Confidare in Dio dà all’anima una pace enorme, una coscienza tranquilla e un cuore distaccato dalle cose materiali. Un cuore che confida in Dio punta sempre verso l’alto perché che il suo destino non è questa terra, ma la beatitudine eterna con Dio in Cielo.

Benedetto l’uomo che confida nel Signore e il Signore è sua fiducia. Egli è come un albero piantato lungo l’acqua, verso la corrente stende le radici; non teme quando viene il caldo, le sue foglie rimangono verdi” (Geremia 17, 7-8).

La preghiera non è tanto fare, quanto “lasciarsi fare”. Lasciamo infine che sia Papa Francesco stesso ad aiutarci in questo cammino di preghiera con due frasi che sicuramente ci incoraggeranno in questa lotta:

“La preghiera fa miracoli, ma dobbiamo crederlo. Io penso che noi possiamo fare una bella preghiera, non una preghiera per cortesia, ma una preghiera con il cuore, e dirgli oggi per tutta la giornata: Credo Signore! Aiuta la mia incredulità. (…) E quando ci chiedono di pregare per tanta gente che soffre nelle guerre, nelle loro condizioni di rifugiati, in tutti questi drammi preghiamo, ma con il cuore, e diciamo: Signore, fallo. Credo, Signore. Ma aiuta la mia incredulità” (20 maggio 2013).

“La preghiera, davanti a un problema, a una situazione difficile, a una calamità, è aprire la porta al Signore perché venga. Perché Lui rifà le cose, Lui sa arrangiare le cose, risistemare le cose. Pregare è questo: aprire la porta al Signore, perché possa fare qualcosa. Ma se noi chiudiamo la porta, il Signore non può far nulla!” (8 ottobre 2013).

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE DA CATHOLIC LINK

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.