Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Chiesa

I rifugiati potrebbero essere i veri vincitori della competizione di hacking del Vaticano

VHACKS

©M. MIGLIORATO/CPP

John Burger - Aleteia USA - pubblicato il 20/03/18

La squadra di Georgetown arriva prima dopo aver creato un'app per aiutarli a ottenere dei crediti

Negli ultimi anni, il mondo ha sentito parlare molto di rifugiati. L’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati riferisce che nel mondo ci sono 65,6 milioni di persone forzosamente sfollate. La maggior parte di loro fugge dalle guerre, e molte stanno abbandonando zone in cui le grave siccità provoca una minaccia di carestia.

Chi non conosce il prima persona i rifugiati può solo immaginare le difficoltà che comporta il fatto di essere sradicati dalla propria patria per rifarsi una vita in un altro Paese.

Alcuni allievi della Georgetown University sono andati oltre l’immaginazione. In una competizione di 36 ore di “hacking” promossa dal Vaticano e svoltasi dall’8 all’11 marzo, i cinque studenti hanno concentrato la propria attenzione su un aspetto della piaga dei rifugiati, e hanno sviluppato un modo tecnologico per aiutare queste persone a superare un problema del genere.

Il primo “hackathon” del Vaticano ha riunito 120 studenti di 30 Paesi in una competizione svoltasi in un albergo vicino alla Città del Vaticano. I partecipanti hanno unito le proprie abilità a livello di business, design, ingegneria e tecnologia per affrontare questioni come l’inclusione sociale, il dialogo interreligioso e le sfide che affrontano migranti e rifugiati.

La cerimonia di premiazione si è svolta a Borgo Santo Spirito, quartier generale della Compagnia di Gesù. Il giorno dopo Papa Francesco ha salutato i partecipanti nel suo intervento in occasione dell’Angelus, dicendo che “è bello mettere l’intelligenza a servizio della verità e dei più bisognosi”.




Leggi anche:
Servire il Signore in digitale: in Vaticano la prima “hackatona”

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
concorsorifugiativaticano
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni