Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Queste apparizioni sono state dichiarate ufficialmente “false”

ITAPIRANGA,APPARITIONS ,EDSON GLAUBER
Itapiranga, Brasile: Edson Glauber sperimenta un'apparizione mariana. Dopo varie ricerche, la Chiesa ha dichiarato ufficialmente il 7 febbraio 2017 che le apparizioni non erano autentiche
Condividi

Compresa la presunta apparizione di San Giuseppe a Itapiranga (Brasile)

Vivendo in un’epoca di “fake news”, non dovrebbe sorprendere che anche molte apparizioni della Vergine Maria e di San Giuseppe non siano autentiche. Nel corso dei secoli, la Chiesa ha dichiarato false innumerevoli rivelazioni private, e afferma che sono degne di venerazione solo quelle che vengono provate come autentiche e spiritualmente feconde dopo accurati studi.

Se ai cattolici non viene richiesto di credere a qualsiasi rivelazione privata, anche a quelle approvate, le apparizioni e i messaggi possono essere approvati dalla Chiesa per la devozione locale o universale. Il primo passo di questo processo è l’approvazione da parte del vescovo della diocesi in cui vive il veggente. Un documento vaticano del 1978 descrive i passi necessari per confermare una rivelazione privata:

Quando l’Autorità ecclesiastica venga informata di qualche presunta apparizione o rivelazione, sarà suo compito:

a) in primo luogo, giudicare del fatto secondo criteri positivi e negativi (cfr. infra, n. I);

b) in seguito, se questo esame giunge ad una conclusione favorevole, permettere alcune manifestazioni pubbliche di culto o di devozione, proseguendo nel vigilare su di esse con grande prudenza (ciò equivale alla formula: «pro nunc nihil obstare»);

c) infine, alla luce del tempo trascorso e dell’esperienza, con speciale riguardo alla fecondità dei frutti spirituali generati dalla nuova devozione, esprimere un giudizio de veritate et supernaturalitate, se il caso lo richiede.

Solo la Sede Apostolica può rovesciare la decisione di un ordinario locale, ma serve un motivo grave e non “ragioni sospette”.

La Chiesa è sempre attenta a sottoporre le rivelazioni private a un processo di studio prima di prendere qualsiasi decisione relativa all’appropriatezza della devozione, non volendo sviare nessuno dalla fede.

Ecco una breve lista di rivelazioni private dell’ultimo secolo ritenute non autentiche o non di carattere soprannaturale e dalle quali i fedeli sono invitati a rimanere lontani.

[CLICCA SU “GALLERIA FOTOGRAFICA” PER CONOSCERE LE PSEUDO APPARIZIONI]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni