Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sei il tipo che si mette sulla difensiva?

WOMAN SENIOR
Condividi

La psicologia ci permette di prendere coscienza dei nostri meccanismi di difesa. Per padre Joël Pralong, una vera spiritualità può abbattere i muri

Nel suo libro Le courage d’être soi-même (Il coraggio di essere se stessi), Joël Pralong identifica i meccanismi di difesa che agiscono nel più profondo del nostro essere e ci impediscono di essere pienamente noi stessi quando ci relazioniamo agli altri.

In un’intervista rilasciata ad Aleteia, l’autore ci offre alcuni spunti per continuare ad essere noi stessi nonostante i meccanismi radicati in noi fin dall’infanzia.

Quali sono i meccanismi di difesa di cui parla nel suo libro?

I meccanismi di difesa definiti dalla psicologia sono i comportamenti che adottiamo per proteggerci. Sono i muri che erigiamo tra il mondo, a volte crudele, e la nostra sensibilità vulnerabile.

Li abbiamo costruiti fin dall’infanzia, e in genere li troviamo in tutte le persone, nelle nostre reazioni di fronte alle avversità.

Siamo come un camaleonte che nega i propri pensieri per adeguarsi a quelli della persona che ha di fronte, un pastore tedesco che reagisce in modo aggressivo.

Questi meccanismi rivelano delle ferite e ostacolano una comunicazione autentica. Ci impediscono di essere noi stessi, ci manipolano e possono manipolare gli altri.

Quando risultano sproporzionati rispetto alla realtà, diventano veri fattori impeditivi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni