Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è la differenza tra confessione, riconciliazione e penitenza?

Condividi

Insieme questi tre termini costituiscono il “Sacramento della Penitenza e della Riconciliazione”. L'obiettivo è il “ritorno a Dio”

Confessione, riconciliazione, penitenza… In qualche modo, ciascuno di questi tre termini può essere usato per designare il “Sacramento della Penitenza e della Riconciliazione”, nome ufficiale dato dal Concilio Vaticano II (1962) a questo sacramento.

È un segno, come gli altri – Battesimo, Matrimonio, Ordine, Confermazione, Eucaristia, Unzione dei Malati –, di dono gratuito di Dio.

L’obiettivo è che Dio possa perdonare i peccati ai penitenti, ma ciascuno di questi termini di per sé non può esprimere adeguatamente la totalità di questo sacramento. Ciascuno, infatti, si riferisce a un aspetto dottrinale e a un senso molto preciso, il cui potere è quello di trasformare il penitente a livello spirituale e umano.

Per realizzare una conversione che porti allo stesso tempo il perdono di Dio e la riconciliazione con i fratelli e le sorelle nella fede, è necessario che siano presenti tutte le parti del sacramento: il riconoscimento dell’amore fedele di Dio, il riconoscimento di una rottura dell’alleanza provocata dal nostro atteggiamento, implorare il perdono di Dio e avere la volontà di riparare alla mancanza commessa.

La confessione consiste nel “riconoscere” i peccati davanti a un sacerdote (confessione privata) o ad altre persone (confessione pubblica). Questo richiede un esame di coscienza previo, una disponibilità interiore a riconoscere in profondità in che misura si è fatto o suscitato il bene e si è resistito al male negli atteggiamenti e nei pensieri quotidiani. Visto che la confessione ha senso solo se accompagnata dal pentimento, è necessario che il penitente arrivi con un rimorso sincero. Allora dirà al sacerdote: “Mi benedica, padre, perché ho peccato”. La buona disposizione di spirito è molto importante, perché il sacerdote durante la confessione ascolterà e cercherà di determinare dove agire per accompagnare meglio il processo di penitenza e far riflettere la persona in modo adeguato sui suoi errori.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.