Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconSpiritualità
line break icon

La perfetta letizia esiste (e non è smettere di soffrire)

Rakesh JV-CC

padre Carlos Padilla - pubblicato il 14/03/18

Spesso mi sento triste, tocco il vuoto dell’anima. Come diceva padre Kentenich, “chi di noi non soffre in modo molto profondo per questa mancanza di gioia? Chi non soffre profondamente con il suo popolo, con i suoi seguaci, che soffrono tanto per questa carenza?” [2].

Una suora, quando le chiesero se le costavano le rinunce che aveva comportato l’ingresso in convento, rispose: “La mia rinuncia più grande è stata rinunciare alla tristezza che avevo prima”.

Mi è sembrata una risposta un po’ povera. Anch’io voglio rinunciare a questa tristezza, ma ciò non toglie che nella mia vita, nella mia vocazione, nel mio cammino concreto, in cui si prova ogni mattina la mia libertà, debba rinunciare.

Ogni vocazione, quella di chiunque, presuppone autentiche rinunce. Ciascuno conosce le proprie. Ogni rinuncia ha il suo valore, ma non è che per il fatto di aver rinunciato il cammino al quale Gesù mi chiama perde luce.

La felicità non consiste nel non dover rinunciare. Non sono più felice quando non devo rinunciare a nulla, quando non c’è sofferenza. Quell’immagine di felicità che a volte mi si inserisce nell’anima non è vera.

La mia vocazione passa per aderire a un bene che mi rende felice, ma allo stesso tempo devo baciare la rinuncia che fa male all’anima. La rinuncia a non avere altri beni che sono anche di Dio e preziosi.

Non è che per il fatto di toccare con dolore la mia rinuncia la mia scelta, il mio “Sì”, i miei passi smettono di avere luce. Ne hanno ancora di più. La rinuncia concreta illumina i beni a cui aderisco con gioia.

E nel mezzo del cammino potranno venire tempeste, tormente, dubbi, ma se il mio cuore è ben ancorato in Dio non tremerò.

E riposerò sollevato tra le sue mani di Padre: “San Francesco arriva a questa conclusione: se siamo perseguitati, disprezzati, ecc., e ci rallegriamo in Dio, allora avremo la perfetta letizia. Se concepiamo la gioia in questo modo, è forse qualcosa di blando, o al contrario è estremamente vigoroso, qualcosa di cui abbiamo bisogno?” [3]

La perfetta letizia non c’è quando mi va tutto bene, ma quando Gesù nel mio cammino mi fa guardare sorridendo i passi che ho davanti.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
gioiaperfetta letiziasofferenzavita

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni