Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconFor Her
line break icon

Jennifer Lawrence non fa sesso per paura delle malattie. Ma preservarsi dall’altro non dà gioia quanto il donarsi

JENNIFER LAWRENCE

Alien_Artifact I CC BY SA 2.0

Annalisa Teggi - Aleteia - pubblicato il 14/03/18

La verginità presuppone il desiderio di un rapporto totale, la cultura dei preservativi s'inchina alla solitudine sterile

Lo ha detto velocemente durante un’intervista radiofonica al Howard Stern Show, eppure la notizia ha fatto subito il giro del mondo. Perché lei è la star di Hunger Games; perché lei è un’icona. Che strano viaggio ha fatto questa parola nel corso dei secoli: icona. Un tempo era indiscutibilmente un’immagine sacra; oggi clicchiamo sulle icone del desktop, oggi le celebrità sono icone.




Leggi anche:
5 attrici hollywoodiane di successo scartate perché “non abbastanza”…

La stessa aura di sacralità che un secolo fa spettava al ritratto della Vergine, attualmente si riversa su Lady Gaga & Co. Diventano sacri e venerabili il comportamento, le scelte, i look e perfino gli errori di gente come tutti, ma con il bollino della celebrità in più. E così se, magari di passaggio e magari senza presumere di voler raccontare chissà quale dogma umano, Jennifer Lawrence dichiara di essere restia ai rapporti sessuali occasionali per timore delle malattie veneree, ecco che il messaggio planetario si diffonde alla velocità della luce e a caratteri cubitali.

Titoli diretti, eclatanti in cui passa il messaggio: no sesso, paura, malattie. Firmato, star di Hollywood. E insomma, il guaio è fatto. Jennifer Lawrence non c’entra nulla, peraltro; è la dinamica dell’icona che altera tutto. È il fatto che oltre al titolo c’è sempre una foto di lei così bella, così ben vestita, così truccata perfetta e allora la ricetta sembra a portata di mano: «se lo fa lei che è così bella, che è famosa e sorride in tutte le immagini, allora renderà felice anche me copiarla». Il vangelo mediatico funziona così, amen.

Sfruttiamo la stessa notizia per fare una capriola, osserviamo con una prospettiva capovolta questo messaggio. A me, ad esempio, è venuto spontaneo riflettere sul verbo preservare. Bello, anch’esso. Riguarda il custodire, anzi il custodire intatto qualcosa. Quando vado al supermercato e porto a casa un dolce da condividere a cena, lo devo sempre nascondere, perché ho tre figli e un gatto che hanno il radar per lo zucchero e mi gironzolano intorno famelici, con gli occhioni imploranti, appena sentono un certo odorino.

Nascondo il dolce per servirlo a cena, e non per farlo andare a male nel frigo. Nel primo caso la premessa è la condivisione, nel secondo l’esito è lo spreco. Un abisso separa le due cose ed è lo stesso iato cosmico tra la proposta della verginità, cristianamente intesa, e la  cultura dominante del preservativo. Si potrebbe proprio, amaramente, sintetizzare: dal preservare al preservativo, ovvero dal dono allo spreco.

  • 1
  • 2
Tags:
sessoverginità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni