Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Ecco quando devi fare il segno della croce

web3-cross-sign-hand-in-the-name-of-father-pray-dsc_1182-marko-vombergar-aleteia

Marko Vombergar / Aleteia

Universitários da Imaculada - pubblicato il 13/03/18

Un modo rapido per collegarsi profondamente a Dio

In modo solenne, senza fretta e con la massima devozione e rispetto:

† Per il segno della Santa Croce
† Liberaci Dio, Nostro Signore
† Dai nostri nemici
† Nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo. Amen!

Quando ci si sveglia

Svegliarsi e fare il segno della Croce, offrire il cuore a Dio dicendo “Mio Dio, io vi dono il mio cuore e l’anima mia”, ricordando anche che quel giorno potrebbe essere l’ultimo della nostra vita (Catechismo di San Pio X, n. 972).

Quando si va a dormire

Prima di addormentarsi, fare il segno della Croce pensando che si potrebbe morire durante la notte e offrire il cuore a Dio dicendo “Signore e Dio mio, io vi dono tutto il mio cuore; Santissima Trinità, datemi grazia di ben vivere e di ben morire; Gesù, Giuseppe e Maria, io raccomando a voi l’anima mia” (Catechismo di San Pio X, n. 985). Nel caso in cui si abbiano incubi recenti, fare il segno della Croce con acqua santa e chiedere l’intercessione dell’angelo custode perché vegli sul proprio riposo.

Prima e dopo i pasti

Prima dei pasti è bene fare il segno della Croce, stando in piedi e dicendo “Signore Iddio, date la vostra benedizione a noi e al cibo che ora prenderemo per mantenerci nel vostro servizio” (Catechismo di San Pio X, n. 978).

Dopo il pasto, è bene fare il segno della Croce e dire “Signore vi ringrazio del cibo che mi avete dato; fatemi degno di partecipare alla mensa celeste” (Catechismo di San Pio X, n. 979).

Passando davanti ad una chiesa

Fare il segno della Croce per rispetto nei confronti di Nostro Signore Gesù presente nel tabernacolo. Si deve fare anche perché così professiamo pubblicamente la nostra fede.

Passando davanti ad un cimitero

Si fa il segno della Croce chiedendo misericordia per le anime che si trovano in Purgatorio e per ricordare che un giorno anche noi moriremo, e quindi dobbiamo sempre cercare le vie di Dio.

Quando si viene tentati

Quando ci vediamo tormentati da qualche tentazione dobbiamo fare il segno della Croce, evitando però che gli altri sospettino la tentazione da segnali esteriori (Catechismo di San Pio X, n. 980).

Uscendo o tornando

Uscendo di casa è bene fare il segno della Croce per chiedere che Nostro Signore guidi i nostri passi, evitando ogni tipo di male fisico o spirituale.

Arrivando, è bene farlo come ringraziamento per averci liberati da tanti mali che neanche immaginiamo.

Passando davanti ad un incidente

È bene fare il segno della Croce passando davanti al luogo di un incidente perché Nostro Signore conceda la salute a chi è rimasto ferito o il riposo eterno a chi è morto.

A Messa

Durante la Santa Messa, il segno della Croce ha un significato liturgico. Viene fatto prima della proclamazione del Vangelo.

La Croce sulla fronte ricorda che il Vangelo dev’essere compreso, studiato, conosciuto; sulle labbra ricorda che il Vangelo dev’essere proclamato, annunciato; sul petto, all’altezza del cuore, indica che il Vangelo dev’essere vissuto.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
segno della croce
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni