Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 14 Aprile |
San Giovanni di Montemarano
home iconSpiritualità
line break icon

Vuoi guarire? Il miracolo della Misericordia è far ripartire la vita, sempre

RUN, STREET, LIGHT

Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 13/03/18

Gesù è la presenza che riaccende il desiderio di essere felici per non abituarci alle nostre barelle

Era un giorno di festa per i Giudei e Gesù salì a Gerusalemme.
V’è a Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, una piscina, chiamata in ebraico Betzaetà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un gran numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Un angelo infatti in certi momenti discendeva nella piscina e agitava l’acqua; il primo ad entrarvi dopo l’agitazione dell’acqua guariva da qualsiasi malattia fosse affetto.
Si trovava là un uomo che da trentotto anni era malato. Gesù vedendolo disteso e, sapendo che da molto tempo stava così, gli disse: «Vuoi guarire?».
Gli rispose il malato: «Signore, io non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita. Mentre infatti sto per andarvi, qualche altro scende prima di me».
Gesù gli disse: «Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina».
E sull’istante quell’uomo guarì e, preso il suo lettuccio, cominciò a camminare. Quel giorno però era un sabato.
Dissero dunque i Giudei all’uomo guarito: «È sabato e non ti è lecito prender su il tuo lettuccio».
Ma egli rispose loro: «Colui che mi ha guarito mi ha detto: Prendi il tuo lettuccio e cammina».
Gli chiesero allora: «Chi è stato a dirti: Prendi il tuo lettuccio e cammina?».
Ma colui che era stato guarito non sapeva chi fosse; Gesù infatti si era allontanato, essendoci folla in quel luogo.
Poco dopo Gesù lo trovò nel tempio e gli disse: «Ecco che sei guarito; non peccare più, perché non ti abbia ad accadere qualcosa di peggio».
Quell’uomo se ne andò e disse ai Giudei che era stato Gesù a guarirlo.
Per questo i Giudei cominciarono a perseguitare Gesù, perché faceva tali cose di sabato.(Gv 5,1-16)

«Si trovava lì un uomo che da trentotto anni era malato. Gesù, vedendolo giacere e sapendo che da molto tempo era così, gli disse: ‘Vuoi guarire?’. Gli rispose il malato: ‘Signore, non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita. Mentre infatti sto per andarvi, un altro scende prima di me’. Gesù gli disse: ‘Àlzati, prendi la tua barella e cammina’. E all’istante quell’uomo guarì: prese la sua barella e cominciò a camminare». Il cuore del vangelo di oggi è in questa narrazione. E in queste parole troviamo anche la definizione più bella della misericordia. La misericordia è Cristo che ti passa accanto e ti rimette nel cuore il desiderio di guarire, perché la cosa peggiore che possa capitarci non è non essere felici ma non desiderare più di essere felici. Abituarci alle nostre barelle. Rimanere quasi quarant’anni allo stesso punto, senza desiderare più un cambiamento, una rivoluzione. Ma quell’uomo lo dice bene: ‘Non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita’. È l’indifferenza degli altri che lo tiene inchiodato lì. Un uomo condannato alla solitudine, ad essere solo con la sua infelicità. Se è vero che a volte noi non siamo la causa dell’infelicità degli altri è pur vero che molto spesso ne diventiamo complici con la nostra indifferenza. Benedetto XVI una volta scrisse: «Se non mi ascolta più nessuno, Dio mi ascolta ancora». ‪ È bello poter pensare che il modo che la Misericordia ha di entrare dentro la nostra vita è dandoci qualcuno a cui poter ancora dire di noi, qualcuno che è disposto ancora ad ascoltarci, che non è stanco di noi, che non è intaccato dalla stanchezza che ci portiamo addosso. E in cosa consiste la guarigione? Nel poter tornare a camminare. Nel poter tornare a vivere la propria vita come un cammino e non come la condanna a rimanere fermi sempre davanti le stesse cose, gli stessi errori, le stesse ferite, i medesimi drammi. Il miracolo è riprendere il cammino, è far ripartire la vita. ‬

#dalvangelodelgiorno

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni