Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Chiara Amirante lo ascolta, il grido dei giovani: e le loro vite fioriscono in Cristo

CHIARA AMIRANTE
Condividi
Commenta

Nel suo nuovo libro ora in uscita "Il grido inascoltato. Sos giovani" la fondatrice della Comunità Nuovi Orizzonti ci conduce con coraggio e amore dagli inferi di migliaia di vite alla luce delle loro resurrezioni

Avevo iniziato a leggerlo da poco, il nuovo libro di Chiara Amirante, in uscita in tutte le librerie il 22 marzo: Il grido inascoltato. Sos giovani (Orizzonti di Luce). E mi si è imposta alla mente, come una consegna urgente, un Amazon prime che arriva e non puoi che aprire il pacco, un’immagine nuova. Ho visto un pezzo della croce che non avevo mai immaginato. Ne ho sentito l’umidità e l’odore di terra. Il tratto  conficcato nella terra, il pezzo che sta nel sottosuolo. Lo stipe. Ecco lei, Chiara Amirante, mi pare sia lì. Alla radice della croce. Nella terra che nasconde e sostiene la croce.

E la croce è dolore, tortura, spettacolo di desolazione, derisione, abbandono e morte. Solo per il fatto che ci è salito Cristo è diventata albero di salvezza. Un’altra cosa mi si è presentata con forza alla mente, scorrendo voracemente le pagine del libro: questa donna non ha paura della lebbra che noi, per la maggior parte, nemmeno vediamo. E ci aggiorna sullo stato di devastazione causato dalla guerra mondiale in atto contro l’uomo, soprattutto i giovani. Numeri spaventosi. Una strage multiforme. Armi da fuoco, esplosivi, gas venefici, assalti all’arma bianca, radiazioni invisibili e letali: c’è tutto. E l’esercito radunato dal principe di questo mondo per sterminarci, sfregiando in noi l’immagine di Dio, è numeroso, potente, instancabile.

“Nuove povertà: una guerra mondiale contro i giovani:

Il cresce­re degli abusi nella sessualità e delle dram­matiche conseguenze che ne derivano: 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni sono stati sottoposti in un solo anno a rapporti sessuali forzati. Anche i dati sulla pornografia sono in­quietanti: ogni giorno vengono spedite 2 miliardi e mezzo di email pornografiche, che compongono l’8% delle email totali. Le ricerche giornaliere tramite motore di ricer­ca riguardanti la pornografia sono 68 milio­ni, il 25% delle ricerche totali. 9 bambini su 10 in età tra gli 8 e i 16 anni sono entrati in contatto con la pornografia su internet. La povertà nel mondo: 795 milioni di persone nel mondo soffrono la fame: circa una persona su 9 non ha cibo a sufficienza per condurre una vita sana ed attiva. Il preoccupante aumento della depres­sione, dei suicidi e di nuove malattie frut­to del mal di vivere e dei ritmi sempre meno a misura d’uomo imposti dalla società dei consumi. Questi sono solo alcuni dei dati allarmanti relativi alle terribili sfide che siamo chia­mati ad affrontare con grande senso di re­sponsabilità (Il grido inascoltato, pag 27-29).

Madre Teresa di Calcutta, che come profetizzava Papa Francesco ci sarebbe venuto difficile chiamare altrimenti, diceva che la solitudine è la lebbra dell’Occidente. Chiara Amirante sa che ha ragione e se leggerete in un pomeriggio o una salutare nottata queste pagine brucianti vedrete che la sua vista acutissima (stava per diventare cieca secondo la sentenza unanime di diversi medici. In una notte – sempre la notte!  guarisce completamente solo perché a lei gli occhi sarebbero serviti per aggirarsi nelle stazioni, nelle strade, nei luoghi esclusi dalla luce) sa riconoscere le diverse piaghe e i differenti gradi di infezione delle anime che incontra. Non ne prova alcun ribrezzo. Sembra di vedere un chirurgo con anni di sala operatoria nel bisturi, abituato ad operare pure in un ospedale improvvisato.

Vede il male nella sua enormità ma ha la certezza della vittoria schiacciante e definitiva dell’Amore. Leggendo le sue parole pulite, precise, senza fronzoli ho sperimentato la potenza della fede vissuta sul serio che entra in un cuore e lo cambia. Lo prepara al Paradiso e intanto ne diffonde il profumo.

Chiara vive il Vangelo nell’unico modo possibile: sul serio. Chiara ama la Chiesa. Chiara ama il Papa e il Magistero, Chiara accoglie con una generosità smisurata l’invito del Santo Padre ad andare, uscire, precipitarsi da quanti più fratelli possibile per dire che Cristo è risorto e ci dona la Sua gioia.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni