Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Gennaio |
San Sebastiano
home iconFor Her
line break icon

Dio scolpisce il mio vero volto di figlia, sorella e madre con lo scalpello della vita comune

VOLTO SCOLPITO DONNA

Shutterstock

Missionarie di San Carlo - pubblicato il 12/03/18

La vita missionaria di alcune suore a Broomfield parla del vantaggio che c'è a lasciare mano libera alla Provvidenza nel tessere la trama della nostra vocazione

di Suor Patrizia Ameli

Nella casa di Broomfield siamo attualmente in quattro: suor Eleonora, suor Teresa, Maria ed io. Affianchiamo i preti della Fraternità in alcune attività legate alla parrocchia e al movimento di Cl, come la visita agli ammalati, il lavoro con i ragazzi, la scuola parrocchiale, il catechismo e il coro. Sia in casa sia in missione, viviamo una vita comune molto stringente.

Avendo studiato Economia, mi sono sempre stati molto cari i criteri di efficienza. Ho scoperto ben presto però che vivere una vita di comunione rallenta i processi: se ad esempio ho un’idea, devo aspettare di confrontarla prima di proporla ai ragazzi. Se una famiglia ci invita a cena, chiedo alle sorelle la disponibilità nel momento in cui costruiamo l’agenda comune, e magari l’appuntamento viene fissato per il mese successivo. All’inizio questa modalità mi andava stretta, poi ho capito che, agendo da sola, rischio di portare le persone a me anziché ad un Altro. E non è ciò che desidero.




Leggi anche:
Tre (delle 5) colonne su cui costruire il proprio edificio spirituale. E difenderlo

In casa viviamo una totale trasparenza e consegna tra sorelle. Durante i pasti e nell’incontro settimanale della casa portiamo gli incontri, i dialoghi con le persone che abbiamo visitato, e lasciamo che la parola della sorella entri nel nostro modo di giudicare e di agire.

Nei Paesi secolarizzati, spesso i legami sono visti come una limitazione alla libertà personale. Io sto scoprendo sempre di più che l’appartenenza è la fonte della mia vera libertà. Più appartengo, più sono libera. E poi, se san Tommaso avesse ragione nel dire che la visione beatifica sarà un evento comunionale, vivendo una sincera comunione con le mie sorelle non faccio altro che vivere un anticipo di Paradiso.




Leggi anche:
102 anni, 85 da consacrata: l’amore per Dio e la dedizione agli altri giustificano la felicità

Devo dire che spesso faccio questa esperienza: quando vedo che l’altra ha il mio stesso desiderio di santità, quando discuto con una sorella, esprimendo ciò che ho dentro, capisco che grazie a lei riesco a raggiungere profondità di cui, da sola, non avrei nemmeno intuito l’esistenza. Ovviamente, occorre molta umiltà per lasciarsi mettere in discussione e cambiare il proprio punto di vista: spesso devo chiederla a Dio in ginocchio. È difficile estirpare l’orgoglio che sta dietro al pensiero: “Ho ragione io”.

La vita comune è lo scalpello di Dio, senza di essa non verrebbe fuori nessuna opera d’arte, ma rimarremmo un pezzo di marmo senza volto. Grazie alla vita comune, sta emergendo il mio vero volto, un volto di sorella, di figlia e di madre.
Oltre alla comunione con le sorelle, abbiamo la grazia di condividere il lavoro con i nostri sacerdoti. Ho in mente la storia di George, morto il giorno dopo il suo battesimo, delle persone che abbiamo preparato a ricevere i sacramenti, oppure di coloro che abbiamo portato dai sacerdoti offrendo la nostra casa come punto di ascolto e accoglienza: noi suore accogliamo e ascoltiamo, i sacerdoti indicano un cammino e amministrano i sacramenti.

  • 1
  • 2
Tags:
vita consacratavocazione femminile
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
6
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni