Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sputava su chi andava a Messa. Ora è sacerdote

EUCHARIST,MASS
Condividi

Per lui la Chiesa era una multinazionale con filiali in ogni quartiere per togliere denaro ai fedeli

Dopo un’infanzia e un’adolescenza anticlericali e segnate dall’odio nei confronti della Chiesa, quello che oggi è il sacerdote Juan José Martínez rivela come ha scoperto che Dio esiste e lo voleva come sacerdote.

“La domenica mattina mi affacciavo alla finestra di casa e mia, e quando passavano le persone per andare a Messa sputavo loro addosso. Dicevo loro che la Chiesa era una setta che voleva il loro denaro”, ha confessato il presbitero della diocesi spagnola di Almería.

I suoi genitori non erano credenti e lui non aveva ricevuto alcuna formazione religiosa, ma assicura di non essere stato educato nell’intolleranza, confessando di non sapere da dove provenissero quelle sue idee, perché la percezione che aveva della Chiesa e di Dio era quella di una “multinazionale con filiali in ogni quartiere per togliere denaro, come una setta”.

“Ero assolutamente anticlericale”, ha ricordato. “Sono stato il primo allievo della mia scuola, nella città di Carboneras, Almería, a non aver mai studiato Religione, perché a 8 o 9 anni ho scelto la materia alternativa, che era Etica. Negli anni successivi ho iniziato a cercare di convincere i miei amici ad abbandonare la lezione di Religione per venire a Etica con me. Alla fine tutta la mia classe ha finito per studiare Etica, nessuno ha scelto Religione”.

Ma quello che non avrebbe mai immaginato è che l’obiettivo del suo cammino sarebbe stato aiutare i suoi amici a tornare alla Chiesa.

Padre Juan José ricorda perfettamente il primo giorno in cui è entrato in una chiesa cattolica: “Ci sono andato per ridere delle persone che mi avevano invitato”.

“Nel gennaio 1995, alcuni amici della mia classe mi hanno invitato a un gruppo di preghiera del Rinnovamento Carismatico Cattolico in parrocchia. Ovviamente ho detto che non volevo andare perché non volevo che mi facessero il lavaggio del cervello. Hanno institito per un mese, e alla fine un giovedì, nel febbraio 1995, sono andato in chiesa. Era la prima volta che entravo in una chiesa”.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni