Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Liam Neeson da piccolo era chierichetto e sognava di “diventare sacerdote”

LIAM NEESON
Daniel Reinhardt | DPA
Condividi

L'attore condivide i suoi ricordi sul fatto di essere stato allevato nel cattolicesimo

In un’intervista rilasciata alla CNN, l’attore Liam Neeson ha riferito dei ricordi della sua infanzia vissuta nel cattolicesimo, inclusi i pensieri che aveva quando faceva il chierichetto. “Sono cresciuto nella religione cattolica in Irlanda, e quindi la Chiesa aveva un ruolo piuttosto importante nella nostra famiglia. Da bambino ero chierichetto, e per molti mesi ho sognato di diventare sacerdote”.

L’intervista è stata effettuata perché Neeson ha fatto da voce narrante in un nuovo speciale della CNN intitolato Pope: The Most Powerful Man in History.

Secondo la CNN, è “una serie originale in sei puntate che entra in Vaticano per rivelare il vero potere detenuto dai Papi nel corso della storia. La docu-serie analizza come 12 apostoli siano diventati gli 1,2 miliardi di cattolici di oggi, collegando le notizie recenti relative al Vaticano con le loro origini inaspettate. Il primo episodio, The Rise of the Pope, esamina le origini del pontificato e come il cattolicesimo si sia diffuso in Europa contro ogni previsione”.

Neeson voleva offrire il suo talento alla serie, sottolineando come il Vaticano “sia diventato una parte integrante del Rinascimento e abbia ispirato alcune delle opere d’arte religiose più straordinarie al mondo, di cui ancora ci si meraviglia”.

In altre dichiarazioni, l’attore ha affermato che la sua fede cattolica si è offuscata col tempo, ma che rispetta chi rimane saldo nella fede, come sua madre. In un’intervista riportata nel Belfast Telegraph, “ha descritto la sua fede in declino come un ‘processo graduale’, ma ha aggiunto di ammirare la vera fede negli altri, soprattutto quella della madre Kitty, che ha 90 anni”.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni