Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Sapevate che nelle isole Orcadi, in Scozia, c’è un pezzetto d’Italia?

ORCADI CHAPEL
Condividi

E' conosciuta nel mondo come "The Italian Chapel" e viene visitata ogni anno da 100 mila persone!

Era il 1941 quando molti soldati e prigionieri di guerra italiani furono spediti sull’isola di Orkney, nell’arcipelago delle Orcadi (in Scozia), su ordine di Winston Churchill per costruire delle barriere di pietre ai quattro ingressi di Scapa Flow per proteggere la flotta britannica dagli attacchi dei sommergibili tedeschi dopo che uno di essi era riuscito a superare le difese della base navale e affondare una loro nave da guerra (Avanti!).

Gli italiani però entrarono in sciopero, sentendosi sfruttati, ma grazie all’abilità comunicativa del maggiore Buckland (che conosceva l’Italia) iniziarono infine a collaborare, avendo in cambio la possibilità di costruire anche un tavolo da biliardo, di giocare a calcio, a boxe, di suonare strumenti musicali. Inoltre gli inglesi misero a disposizione loro una struttura dove poterono tenere spettacoli e concesse due capanne Nissen: una per pregare, l’altra per studiare l’inglese. La presenza e la bravura delle maestranze italiane produssero, anche grazie ad uno di essi – Domenico Chiocchetti che realizzò una statua di San Giorgio – una cappella che è ancora oggi visitabile e soprattutto mantenuta inizialmente proprio dal Chiocchetti che nel 1960 fu invitato dai cittadini Orcadiani perché restaurasse la propria opera, che non volevano in nessun modo che si perdesse! (Laprhoig)

Oggi è un’attrazione turistica che accoglie oltre 100.000 visitatori ogni anno, e rappresenta uno dei più conosciuti e commoventi simboli di riconciliazione presenti in Gran Bretagna. Se volete vederla anche voi, e magari assistere ad una messa celebrata al suo interno, è aperta tutte le prime domeniche dei mesi estivi, con funzione alle 3 del pomeriggio (Travel Blog).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni