Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nel peggior momento della sua vita, un pellegrinaggio ha cambiato tutto

MEDJUGORJE
Shutterstock-Hieronymus
Condividi

La scrittrice Carmen Posadas intervista sua figlia sul suo viaggio a Medjugorje

I primi momenti non sono stati facili. Quando sono arrivati ci sono state la Messa e l’adorazione. “Sono uscita furiosa, me ne sono andata a letto senza cena”, ha raccontato.

Il giorno successivo, però, è stato l’inizio della sua nuova vita. La giornata cominciava con una spiegazione storica, e lei è andata ad ascoltarla. Poi bisognava salire sul monte delle apparizioni. Si saliva recitando il Rosario e ogni mistero era recitato da una persona.

Quando era la volta del quinto mistero, il suo socio le ha dato il rosario perché lo conducesse lei e non è riuscita a dire di no. “Ho pregato e ho iniziato a piangere, piangere e piangere, e da quel momento ho sentito la pace dentro di me. L’ira e la rabbia se ne sono andate e ho provato una tranquillità incredibile”.

Sofía ha spiegato che il grande cambiamento della sua vita non si è verificato in quel momento ma una volta tornata a Madrid, quando ancora manteneva quello stato di grazia.

Un sacerdote li aveva avvertiti durante la Via Crucis a Medjugorje sul ritorno alla realtà e alla quotidianità, perché in pellegrinaggio è molto facile stare su una nuvola, ma una volta a Madrid, ha detto portando un esempio, trovi un semaforo rosso e perdi la testa.

A Medjugorje ha imparato a pregare

“Mi è servito, è accaduto a poco a poco. Ogni volta che vedevo un semaforo rosso mi ricordavo di Dio”. “Una volta che Lo incontri davvero crea un desiderio in te e inizi a voler pregare sempre di più. Grazie a Medjugorje ho imparato a pregare e il potere della preghiera”.

La vita di Sofía è cambiata. Prima del pellegrinaggio allontanava quello che “non era tangibile” perché era una donna “autosufficiente e orgogliosa”, ma ora si è resa conto che “Lui è sempre stato lì, disposto ad aiutarmi”.

“Quando hai visto che Dio esiste, che è lì e che puoi appoggiarti a Lui per qualsiasi cosa, il bagaglio di stress e angoscia scompare. Puoi avere lo stesso caos e 20.000 cose da fare, ma non le gestisci con stress e ansia perché non ricade tutto su di te”.

“Molta scienza ci restituisce a Dio”

Come medico e direttrice di una clinica, Sofía fa sua la citazione di Louis Pasteur: “Un po’ di scienza ci allontana da Dio, molta scienza ci restituisce a Dio”.

Per lei, “più scienza hai, più finisci per arrivare a Dio”, e nell’ambito della medicina, in cui si vede tanta sofferenza, ha ormai la certezza che “quando la persona incontra Dio quella sofferenza è un’altra cosa”; “Dio aiuta moltissimo a eliminare la sofferenza, si vede la Sua mano”.

Articolo pubblicato originariamente da Cari Filii

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni