Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nel peggior momento della sua vita, un pellegrinaggio ha cambiato tutto

MEDJUGORJE
Shutterstock-Hieronymus
Condividi

La scrittrice Carmen Posadas intervista sua figlia sul suo viaggio a Medjugorje

I primi momenti non sono stati facili. Quando sono arrivati ci sono state la Messa e l’adorazione. “Sono uscita furiosa, me ne sono andata a letto senza cena”, ha raccontato.

Il giorno successivo, però, è stato l’inizio della sua nuova vita. La giornata cominciava con una spiegazione storica, e lei è andata ad ascoltarla. Poi bisognava salire sul monte delle apparizioni. Si saliva recitando il Rosario e ogni mistero era recitato da una persona.

Quando era la volta del quinto mistero, il suo socio le ha dato il rosario perché lo conducesse lei e non è riuscita a dire di no. “Ho pregato e ho iniziato a piangere, piangere e piangere, e da quel momento ho sentito la pace dentro di me. L’ira e la rabbia se ne sono andate e ho provato una tranquillità incredibile”.

Sofía ha spiegato che il grande cambiamento della sua vita non si è verificato in quel momento ma una volta tornata a Madrid, quando ancora manteneva quello stato di grazia.

Un sacerdote li aveva avvertiti durante la Via Crucis a Medjugorje sul ritorno alla realtà e alla quotidianità, perché in pellegrinaggio è molto facile stare su una nuvola, ma una volta a Madrid, ha detto portando un esempio, trovi un semaforo rosso e perdi la testa.

A Medjugorje ha imparato a pregare

“Mi è servito, è accaduto a poco a poco. Ogni volta che vedevo un semaforo rosso mi ricordavo di Dio”. “Una volta che Lo incontri davvero crea un desiderio in te e inizi a voler pregare sempre di più. Grazie a Medjugorje ho imparato a pregare e il potere della preghiera”.

La vita di Sofía è cambiata. Prima del pellegrinaggio allontanava quello che “non era tangibile” perché era una donna “autosufficiente e orgogliosa”, ma ora si è resa conto che “Lui è sempre stato lì, disposto ad aiutarmi”.

“Quando hai visto che Dio esiste, che è lì e che puoi appoggiarti a Lui per qualsiasi cosa, il bagaglio di stress e angoscia scompare. Puoi avere lo stesso caos e 20.000 cose da fare, ma non le gestisci con stress e ansia perché non ricade tutto su di te”.

“Molta scienza ci restituisce a Dio”

Come medico e direttrice di una clinica, Sofía fa sua la citazione di Louis Pasteur: “Un po’ di scienza ci allontana da Dio, molta scienza ci restituisce a Dio”.

Per lei, “più scienza hai, più finisci per arrivare a Dio”, e nell’ambito della medicina, in cui si vede tanta sofferenza, ha ormai la certezza che “quando la persona incontra Dio quella sofferenza è un’altra cosa”; “Dio aiuta moltissimo a eliminare la sofferenza, si vede la Sua mano”.

Articolo pubblicato originariamente da Cari Filii

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.