Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Nel peggior momento della sua vita, un pellegrinaggio ha cambiato tutto

MEDJUGORJE
Shutterstock-Hieronymus
Condividi

La scrittrice Carmen Posadas intervista sua figlia sul suo viaggio a Medjugorje

Sofía Ruiz de Cueto è la figlia primogenita di Carmen Posadas, la scrittrice ispano-uruguayana vincitrice del Premio Planeta. L’autrice si dichiara cattolica e ha parlato apertamente del Cielo, e ora sua figlia può dire lo stesso.

Carmen e Sofía hanno parlato in un’intervista che la madre ha fatto alla figlia su Mater Mundi TV sulla conversione di Sofía, una conversazione sul passato, sul momento in cui Dio è apparso nella sua vita e su come vive ora che è innamorata di Cristo.

Il peggior momento della vita

Sofía ha vissuto una conversione totale a Medjugorje in un momento molto complicato della sua esistenza. Un ruolo importante in tutto questo l’ha avuto il suo socio, che ha insistito ripetutamente per mesi sul fatto che doveva compiere quel pellegrinaggio che poi ha cambiato tutta la sua vita.

“Non volevo andare perché il viaggio è saltato fuori in un periodo molto negativo, quando stavo divorziando. Questo mi aveva portato ad allontanarmi molto, e se già non avevo una fede molto forte mi aveva fatto prendere le distanze con rabbia”, ha raccontato Sofía alla madre.

“La Vergine ti sta invitando”

Nel vortice lavorativo e del divorzio, con dei bambini piccoli da curare, il suo socio insisteva perché andasse, ma lei rifiutava: “Ho i miei figli, un’agenda piena di pazienti, un congresso, è anche la festa della mamma e sto divorziando”.

“La Vergine ti sta invitando”, le ha risposto il suo socio. “Di fronte a una frase del genere non sono riuscita a trovarne un’altra per dire di no, e allora ho detto che sarei andata”.

Alla fine la strada per il viaggio si è spianata completamente. I bambini non sono stati un problema e l’agenda si è svuotata, anche se lei continuava a sentirsi “spaesata”. Ed è così che è arrivata a Medjugorje.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni