Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dov’è Dio quando la vita mi colpisce in continuazione?

DEPRESSION
Photographee.eu - Shutterstuck
Condividi

Confida: anche se non sempre te ne accorgi, la tua vita riposa in Dio

A volte nella mia vita accade qualcosa, e in quel momento non lo comprendo. È come camminare in un bosco, nel chiaroscuro, tra gli alberi. È difficile vedere tante cose.

Quando esco alla luce e salgo sull’altura vedo più chiaramente, e le cose che prima non si incastravano si incastrano. Mi si aprono gli occhi e comprendo cos’è accaduto, quello che a suo tempo non ho compreso.

E allora vedo la mia vita come una storia di luce, e i momenti di oscurità, o quelli che non comprendo, fanno parte di quella storia di luce che riposa in Dio.

Quante volte mi piacerebbe vedere tutto chiaro! In cielo finirò di capire quello che non capisco qui. A volte, però, nel mezzo del cammino, quanta pace mi dà vedere certe cose quando prego e guardo indietro con occhi limpidi!

Guardo grato il mio cammino. Vedo Colui che camminava al mio fianco anche se non lo vedevo. Vedo Gesù che mi anima anche se non me ne rendevo conto. Nella mia vita è così. Ricevo una luce su qualcosa che mi è accaduto. Una parola che avevo custodito e improvvisamente si riempie di vita. Vedo il cammino percorso.

Vorrei confidare di più nel bel mezzo della notte, quando non vedo e mi confondo. Confidare pur non capendo tutto. So che anche se non lo vedo la mia storia riposa in Dio. Anche se non lo tocco Egli è con me.

La mia è una storia d’amore, un’alleanza con Dio. È sempre così. Un cammino di luce. Una storia sacra.

A volte mi fa male l’anima quando qualcosa si rompe. Perdo qualcosa che pensavo sarebbe stato lì per sempre. Un lavoro. Una convinzione molto radicata. O una persona a cui voglio bene. E non lo comprendo. Voglio che tutto resti uguale. Che nulla cambi.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni