Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
home iconChiesa
line break icon

Duro monito del Cardinal Piacenza ai confessori: Gravissimo chattare mentre si confessa

CONFESSION

Antoine Mekary | ALETEIA

Lucandrea Massaro - Aleteia Italia - pubblicato il 07/03/18

La superficialità non può accompagnare il sacerdote durante un momento così importante come la confessione

Lunedì presso il Palazzo della Cancelleria si è svolto il XXIX Corso sul foro interno organizzato dalla Penitenzieria apostolica presieduta dal Cardinale Mauro Piacenza, ed è stato proprio lui, nella sua Lectio a ribadire il ruolo pieno e centrale del confessore nella vita del cristiano, per farlo, tuttavia, bisogna avere immedesimarsi nell’«atteggiamento di Cristo». Il confessore per il Cardinal Piacenza è chiamato «ad amare la libertà del penitente, a rispettarla, anche quando le scelte che egli compie non appaiono ragionevoli né proporzionate con i doni ricevuti ed il cammino compiuto». Tuttavia «rispettare le scelte del penitente, non significa in alcun caso condividerle e “benedirle” », piuttosto significa «accettare di non potersi sostituire alla sua libertà». Mentre sarebbe un «grande errore della cultura contemporanea» quello di pretendere «non solo che le aberrazioni siano rispettate, ma che siano condivise e benedette e che nessuno si permetta di dire il contrario, di affermare l’esistenza, almeno, di un’alternativa reale e possibile».

Piacenza rivolge un severo richiamo a quei («taluni») confessori che sono stati visti «a “chattare sui social”, mentre i penitenti fanno la loro accusa». «Questo – ammonisce il porporato – è un atto gravissimo, che non ho timore di definire: “ateismo pratico”, e che mostra la fragilità della fede del confessore nell’evento soprannaturale di grazia che si sta vivendo! ». Il penitenziere maggiore cita poi san Giovanni Maria Vianney, il Curato d’Ars, «grande ed esemplare confessore», per ricordare che «Dio ci perdona, anche se sa che peccheremo ancora». E ciò non significa «giustificare il peccato». Infatti questa affermazione «semplice e profonda » nasce dalla «realistica constatazione della fragilità umana e della ferita del “peccato delle origini”», che incide an- che «sulle facoltà superiori dell’uomo», come l’intelligenza «che non sempre conosce il vero», la libertà «che non sempre sceglie il bene», e volontà «che non sempre attua il bene» (Avvenire, 6 marzo).

La lectio aveva dunque come scopo richiamare sacerdoti, diaconi e seminaristi ad una maggiore responsabilità nei confronti dei fedeli che si accostano al sacramento e che sono alla ricerca di comprensione e perdono. Piacenza si è quindi soffermato sui giovani, del loro bisogno di essere accolti e capiti nelle loro contraddizioni, nel loro muoversi in un mondo per molti versi ostile al cristianesimo e dunque capace confondere.

E proprio a questo proposito si ricorda come sia necessario che «il tratto umano del confessore» accolga «ogni penitente, con ancora maggiore attenzione se giovane, con la stessa carità di Cristo». «I giovani con le loro speranze e delusioni, con i loro desideri e le loro contraddizioni e le loro paure, hanno urgente necessità di essere ascoltati, non soltanto dai propri coetanei (ammesso che siano capaci di ascolto), ma soprattutto da adulti veri, autorevoli, accoglienti, prudenti, capaci di una visione unitaria del mondo, dell’uomo e della vita, capaci da essere per i giovani, punti di riferimento saldi, affettivamente significativi ed esistenzialmente determinanti»
Tags:
confessionesacerdoti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni