Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Come i cattolici hanno inventato il capitalismo

Il monaco camerario di San Mattia riscuote i denari del monastero al banco dei Procuratori di San Marco / Venezia, Seminario Patriarcale, Biblioteca
Condividi

La nascita del capitalismo è spesso associata al protestantesimo, ma le radici del capitalismo sono leggermente diverse

Le basi dell’idea, ancora salda nella mente di molti, per cui il capitalismo è stata un’invenzione pionieristica dei protestanti sono state gettate nel 1905 dal sociologo tedesco Max Weber nel suo libro L’Etica Protestante e lo Spirito del Capitalismo.

I tipi ascetici di protestantesimo e capitalismo

Anche se nel suo libro Weber non afferma mai che il capitalismo sia stato inventato dai protestanti, le sue tesi sono state spiegate in questo modo dai suoi lettori.

Weber ha scritto solo che il protestantesimo – o, per essere precisi, il suo tipo ascetico (perlopiù calvinista) – ha giocato un ruolo importante nella storia dello sviluppo e nella formazione dello spirito capitalistico, già esistente prima della Riforma.

L’accumulo protestante del capitale

Secondo Weber, i protestanti ascetici credevano che in base all’etica del lavoro protestante fosse inutile per una persona religiosa godersi la sua ricchezza e non fare niente. La ricchezza acquisita doveva essere reindirizzata verso la produzione. Di conseguenza, il capitale accumulato influenzava positivamente lo sviluppo del capitalismo (e quindi l’industrializzazione), soprattutto in Olanda, in Inghilterra e in Nordamerica.

L’ascesa dell’Europa del Nord protestante

Il fatto è che dal XVII secolo l’Europa venne economicamente dominata da alcuni Paesi protestanti: prima dall’Olanda calvinista, poi, nel XVIII secolo, dall’Inghilterra. Questo non può essere tuttavia spiegato solo con l’ascesa del protestantesimo.

Prima della Riforma, comunque, il Paese europeo più ricco era l’Italia, vera patria del capitalismo delle origini.

Lo sviluppo di un’economia capitalista iniziò nel XII secolo nel nord della Penisola (nelle città-Stato di Venezia e Genova) e in Toscana.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni