Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 29 Gennaio |
Sant'Afraate
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

La minestra non sa di niente e lo sa. Ma la mia vita?

DONNA CON MINESTRA

Henrique Félix Stock Snap

MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO - pubblicato il 06/03/18

La Sapienza più grande rimangono due ginocchia a terra e lo sguardo fisso su di Te, Signore. Ecco cosa dà sapore ad ogni vita

Lettere a una moglie #2 (ovvero l’esodo del duo con l’anello noto in tutto il mondo come Mienmiuaif) di Giuseppe Signorin

“La tua sa di qualcosa?”, mi hai chiesto l’altra sera, a cena, riferendoti alla minestra che avevo sotto il naso, amore mio. “Sì, sa di non sapere”, ti ho risposto. Questa è food philosophy, baby.




Leggi anche:
Dieta di coppia. Come dici cara, mi vedi competitivo? Nient’affatto: solo che vincerò io!

Tuo marito ne sa una più di Socrate. E di Cracco. Insieme. È vero, siamo a dieta, siamo pure in Quaresima, sono appena finite le elezioni, e tuo marito si mette a scherzare? Meriterei l’imprecazione del buon cristiano: “Te possi mori’ ammazzato… ma pe’ la fede”. Sta scritta in una delle bustine di zucchero che ci ha regalato il nostro amico fra’ Etjen. È di San Filippo Neri. Altro che Baci Perugina. Ma tu stai imparando a non dirmi niente. Porti pazienza. Mi sopporti. E sopportare è morire a se stessi. Rimanendo vivi per giunta. Un martirio a portata di coppia.

Santa Teresina voleva morire come i martiri. Al Colosseo, durante un viaggio a Roma, si era commossa come non mai per l’emozione di trovarsi in un luogo così pregno del sangue dei primi martiri cristiani. Avrebbe voluto dare anche lei, tutto, per Cristo. E in effetti lo ha dato, anche se alla fine in un modo diverso. Giorno dopo giorno. Tutti noi dobbiamo imparare a dare tutto per Cristo, magari sopportando, portando pazienza, morendo a noi stessi. La minestra dell’altra sera non sapeva di niente, amore mio, ma eravamo io e te a mangiarla. La nostra piccola grotta di Betlemme. Povera (di sale, sicuramente), ma condivisa.




Leggi anche:
Bohémien, caffè e Gesù: cosa possiamo imparare sulla preghiera dal caffè versato lentamente

In quell’istante di food philosphy infatti è nato qualcosa: siamo morti a noi stessi. Io, almeno. Tu non lo so, in effetti. Ma io di sicuro. Sono morto al mio palato, questo posso dirlo. Ed è stato bellissimo. Com’è stato bellissimo andare a votare, in un paese orgogliosamente e violentemente laico com’è diventata l’Italia, e dover mettere una croce sul simbolino scelto. È stato meraviglioso. Perché la croce è il senso di tutto, sostiene tutto, salva ogni cosa. Anche le elezioni. Fare quella croce, nella scheda, mi ha riempito di gioia. Cristo è ovunque, dà speranza sempre, in ogni istante. Anche lì, come direbbe Guareschi, nel segreto della cabina elettorale.

Possiamo inventarci qualsiasi sistema, qualsiasi bollino antifrode, ma l’unico che non mente è Cristo. Sarei rimasto lì a fissare la croce, a contemplarla, se non ci fosse stata la fila di persone in attesa di mettere la loro, ieri mattina. Fra cui tu. Anche tu hai messo quella croce. Il momento più alto della giornata. Fissare quella piccola croce. Contemplare la piccolezza dell’Onnipotente. La vera umiltà. Possiamo inventarci qualsiasi cosa, ma la Sapienza più grande rimangono due ginocchia a terra e lo sguardo fisso su di Te, in un pezzo di pane. Fino a quando non ci metteremo tutti insieme in ginocchio ad adorarti, le cose non cambieranno. Questo il motivo per cui abbiamo sfornato la prima canzone di adorazione della nostra storia di marito-moglie band, “Adorarti oggi, Dio”. Perché, nonostante tutto, dobbiamo rimanere persone capaci di adorare. Che Dio ci doni questa grazia. Ti amo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
crocematrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni