Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’agente 007 Pierce Brosnan: “La preghiera mi aiuta ad essere padre, attore e uomo”

PIERCE BROSNAN
Condividi

La moglie e una figlia di questa sono morte per un cancro alle ovaie. Uno dei suoi figli ha attraversato un momento difficile. Dio lo ha fatto andare avanti

“La preghiera mi ha aiutato quando ho perso mia moglie per un tumore e quando mio figlio ha vissuto un periodo difficile. Ora la fede mi aiuta ad essere un padre, un attore e un uomo”. Lo ha affermato Pierce Brosnan, che ha raggiunto la fama interpretando il personaggio del detective Remington Steele nella serie omonima (trasmessa in Italia con il titolo Mai Dire Sì) negli anni Ottanta e James Bond nel 2001.

Brosnan non ha dovuto superare solo la morte della moglie Cassandra, perché il 1° luglio 2013 è morta anche Charlotte Emily, figlia del primo matrimonio di Cassandra, a causa di un cancro alle ovaie, la stessa malattia che si era portata via la madre più di vent’anni prima.

“Aiuta sempre avere un po’ di preghiere in tasca”, ha commentato Brosnan. “Alla fine devi avere qualcosa, e per me è Dio, Gesù, la mia educazione cattolica, la mia fede. In un certo modo tutto riporta a Navan, il mio paese natale sulle rive del fiume Boyne. A volte è stato dipinto con toni melodrammatici, ma è stato un ottimo modo di crescere. Il cattolicesimo e i Fratelli Cristiani sono immagini dalle radici profonde e la base per una persona che sa recitare”.

“Dio è stato buono con me. La mia fede è stata buona con me, in momenti di profonda sofferenza, dubbio e fede. È una costante, il linguaggio della preghiera. Forse con i Fratelli Cristiani non facevo bene i conti o non ho ricevuto il migliore insegnamento letterario, ma moltissima fede solida sì”, ha aggiunto.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni