Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconFor Her
line break icon

Ci è chiesto di portare gli altri alla fede, senza spazientirci. Come madri e padri

Shutterstock

Costanza Miriano - Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 05/03/18

Se dico che siamo in un momento di svolta  passo in men che non si dica dall’altra parte, quella degli entusiasti laudatori delle magnifiche sorti, nella quale non mi sento a mio agio,  esattamente come nell’altra. (Il fatto è che io sono cattolica, e non mi chiedo se mi piace o no il Papa, non è proprio una categoria contemplata, non me lo chiedo,  esattamente come non mi chiedo ogni dodici secondi se respirare o no).




Leggi anche:
Il dovere del cristiano è quello di annunciare

L’unica cosa che dobbiamo chiederci è come vivere da figli di Dio e figli della Chiesa questo momento speciale, in cui sta innegabilmente cambiando  – almeno per adesso – il modo di parlare col mondo. Per decenni ci siamo preparati a combattere contro il mondo – non contro le persone ma contro la mentalità  del mondo, di cui sappiamo chi è il principe. Adesso vediamo che la Chiesa sembra ansiosa di parlare la lingua del mondo, e di parlarla così bene  che a noi viene a volte il dubbio che in tutto questo parlare e dialogare ci si dimentichi di portare le persone a Cristo.




Leggi anche:
Siamo dei poveretti… ma siamo usciti dalla mente di Dio!

Credo che non sia una cosa di cui dobbiamo preoccuparci noi. Noi possiamo solo preoccuparci di trovare il roveto ardente, toglierci i sandali, metterci alla sua presenza e imparare a portare gli altri. I lontani, i tradizionalisti, i modernisti… Tutte categorie che si sciolgono come neve al sole se davvero arriviamo al calore del roveto, perché quando cerchi Lui capisci che il nemico, l’unico nemico vero, è il faraone che tiene prigionieri noi e i nostri fratelli.
Senza di loro il nostro viaggio non arriverà davvero a destinazione.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

  • 1
  • 2
Tags:
fedefratelli

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni