Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
Sant'Anselmo d'Aosta (e di Canterbury)
home iconStile di vita
line break icon

4 sintomi per identificare una relazione tossica

RELATION

Lightwavemedia - Shutterstock

Javier Fiz Pérez - pubblicato il 05/03/18

Le persone tossiche sono ovunque. Una persona tossica può essere il tuo capo, un tuo familiare, un tuo amico o... tu stesso

A volte ci troviamo di fronte a persone che anziché nutrirci ci consumano e si incaricano di incamminarci verso la negatività. Siamo abituati a ispirarci all’ambiente che ci circonda, ma quando appaiono offuscano la nostra creatività e squilibrano il nostro benessere.

La nostra salute fisica ed emotiva dipende dalla qualità delle persone che frequentiamo e dalla loro influenza sulla nostra vita, e quindi quello che credevamo inoffensivo alla fine della giornata diventa un peso superfluo.

Ma quali sono i tratti delle persone tossiche?

1. I loro problemi sono più importanti dei vostri

Un vantaggio del fatto di essere amici è poter contare su di loro come terapeuti quando qualcosa non va, ma il problema con le amicizie tossiche è che sottovalutano i vostri dolori o i vostri momenti negativi perché i loro sono più importanti.

Possono passare ore parlando di sé, ma nel momento in cui offrite aiuto o possibili soluzioni trovano sempre un “Però” o un “Non mi capisci”.




Leggi anche:
Sei consigli per uscire fuori da un amore tossico

2. Parlano più di quanto ascoltano

Questo aspetto si collega alla prima caratteristica: le persone tossiche sottovalutano non solo i vostri problemi, ma anche le vostre opinioni. Si suppone che un’amicizia sia fatta di due persone, ed è necessario che entrambe le parti condividano i propri pensieri.

Se la persona non vi ascolta, c’è un’elevata probabilità che si tratti di un’amicizia dannosa. Questo dimostra che vi state relazionando a qualcuno che pretende di ricevere sempre da voi senza avere la minima intenzione di cercare la reciprocità nella relazione.

3. Vi critica costantemente e senza empatia

Siamo esseri umani e imperfetti, ma non c’è bisogno di ricordarlo ogni cinque minuti. Quando le critiche e i commenti che feriscono fanno parte della quotidianità è il momento di allontanarsi.

Umiliarvi, gridare contro di voi o farvi sentire inferiori può essere un meccanismo per elevare il loro status al di sopra del vostro. Le persone tossiche non si metteranno mai al vostro posto per cercare di capire qualcosa della vostra vita.




Leggi anche:
Cosa ho imparato da un’amicizia tossica

4. Smettete di raccontar loro le cose per evitare che si arrabbino

Ogni volta che siete accanto a una persona tossica dovete pesare le parole o omettere certe cose per farla contenta. Tende ad essere esplosiva o possessiva quando le raccontate aneddoti che riguardano altri amici o conoscete persone nuove. Se dovete nasconderle qualcosa di fondamentale come il fatto che siete uscito con un altro amico… è una persona tossica.

Il motivo principale per il quale dovete allontanarvi da quella persona è se non vi sentite bene accanto a lei. La vita è troppo breve per trascorrerla con persone che ci danneggiano. Le amicizie non riguardano la quantità, ma la qualità. Mettete dei limiti e iniziate a dire “No”.

Se dopo averle comunicato il vostro disagio non cambia atteggiamento è il momento di allontanarsi. Cercate le persone che vi spingono a tirar fuori il meglio di voi e fate lo stesso con tutti coloro che vi circondano.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
rapporti interpersonali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni