Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

“Dovete morire!”, urlava ai poliziotti. Lo sappiamo, signora, potremmo risponderle tutti quanti

ITALY TURIN RIOTS

La Repubblica | Youtube

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 02/03/18

Questa Lavinia (ora chiedo a me stessa), questa donna che urla minacce ugualmente orribili e grottesche, bottiglia di Peroni in mano, cappuccio tirato su, scarpe sportive su asfalto bagnato, come è cresciuta? Cosa la porta a scomodarsi tanto, uscire al freddo, la sera, lanciare cose contro i poliziotti? Cosa si è radicato così profondamente in lei da non farle cogliere l’insipienza, la tracotanza e la pericolosità della sua condotta?

Intervistata di nuovo, dopo l’iscrizione nel registro degli indagati per istigazione a delinquere, oltraggio a pubblico ufficiale e minacce, dichiara che no, nessun pentimento, figuriamoci (forse, si farebbe solo più furba, ammette). Ma introduce un distinguo: non ce l’ha personalmente con quel poliziotto, poveretto, ce l’ha col sistema. Teme un ritorno del fascismo, nientemeno.

Sappiamo che non è affatto nuova a questo tipo di azioni. Viene addirittura definita anima carismatica del centro sociale “Gabrio”. Si vede che serve persino del carisma. No TAV della prima ora, sempre presente, nota da tempo alla Digos che ora impugna contro di lei quel “dovete morire” ringhiato con forza.

Dicono, ora, che urlasse parecchio anche contro i bambini di seconda elementare, che ne erano comprensibilmente terrorizzati.

Caro Michele, io lo spero proprio che le tue parole, messe in fila con acerba maestria e spinte al suo indirizzo con i mezzi retorici che inizi a maneggiare con una certa audacia, arrivino al cuore di questa donna e magari le facciano capire che nel sistema ci sono padri e figli e che non c’è bisogno di dirlo con quella cattiveria: “dovete morire”. Lo si sa già. Lo sappiamo già. Tu, i maestri, le maestre, i poliziotti e i carabinieri, i giornalisti e i social media manager, tutti, tutti noi che usiamo questo fatto per poggiarci sopra le nostre puntute o sciatte riflessioni, tutti noi dobbiamo morire.




Leggi anche:
Se volete fare una cosa sola in Quaresima, ricordate la vostra morte

Forse tu che hai un papà già nell’oltre, nel dopo – luminoso, non temere – che segue la morte corporale, sei più avvantaggiato di quella povera, speriamo presto resa innocua, scalmanata. Credo.

  • 1
  • 2
Tags:
polizia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni