Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La decanonizzazione di Santa Gianna Beretta Molla

Public Domain
Condividi

Ha scelto di morire per non dover abortire, ed era una pediatra. Sembra che oggi sia un peccato più grande dell'omicidio

di padre Nuno Serras Pereira

Ogni figlio ha il diritto di essere generato dai genitori biologici (e non da tecnici di laboratorio), che devono essere sposati, e di essere allevato ed educato da entrambi. Questo diritto ovvio, in virtù della dignità incommensurabile di ogni persona a qualsiasi età, è al giorno d’oggi calpestato da legislazioni ottuse e aberranti e in genere ripudiato dalla mentalità regnante, da gran parte dei cristiani e perfino da alcuni membri della gerarchia ecclesiastica.

Il fatto di essere allevati ed educati da entrambi i genitori, purtroppo, non è sempre possibile per varie circostanze – la morte di uno dei due, la detenzione prolungata, il servizio militare all’estero in una guerra a tempo indeterminato, una malattia cronica invalidante, la violenza domestica (psicologica, fisica o morale), l’adulterio, la poligamia, l’unione poliamorosa… Tutto questo è in linea generale compreso e accettato dalla generalità delle persone, e in qualche misura anche dalla Chiesa.

Quando si tratta di figli di cattolici con un matrimonio valido che divorziano civilmente e si “sposano” civilmente, frutto di un rapporto civile, oggettivamente adulterino, si ritiene un imperativo assoluto la permanenza in quello stato, considerato l’unico modo per non commettere una grave ingiustizia nei confronti della prole. È chiaro che se i genitori decidono di vivere come fratelli per il bene dei figli che si vogliono salvaguardare è comprensibile che condividano la stessa abitazione e si aiutino nella cura della prole.

Ma cosa succede nei casi in cui uno dei coniugi vuole vivere nell’astinenza e l’altro no? Quello che vuole farlo deve sottomettersi al volere dell’altro? Evidentemente no. E in questa circostanza dovrà separarsi, ponendo fine definitivamente alla situazione oggettiva di adulterio pubblico e permanente ma continuando, in base alle sue possibilità, a contribuire alla crescita dei figli. In caso contrario si dovrebbe, ad esempio, decanonizzare e condannare come gravemente ingiusta Santa Gianna Beretta Molla.

Pediatra, era sposata e aveva tre figli quando rimase incinta della quarta. Si scoprì allora che aveva un fibroma all’utero. C’erano tre opzioni: asportare l’utero malato (il che avrebbe provocato la morte del bambino), abortire il feto o, ipotesi più rischiosa, sottoporsi a un intervento pericoloso per preservare la gravidanza. Gianna, che come medico era pienamente consapevole di quello che poteva accadere, non esitò e disse: “Salvate il bambino, perché ha il diritto di vivere e di essere felice!”

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni