Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mio marito è un perverso narcisista o “solo” un grande egoista?

KŁÓTNIA
Shutterstock
Condividi

Egoista, egocentrico, narcisista, manipolatore, psicopatico… Certe manifestazioni più o meno smisurate dell’ego respingono talvolta il nostro coniuge. Sono davvero appropriate? Esagerate? Mio marito è un perverso narcisista o “solo” un grosso egoista?

La nozione di perversione narcisistica corrisponde certo a una realtà psicanalitica, ma è stata così abbondantemente divulgata e interpretata dalla psicologia popolare che si è ormai allontanata dalla definizione originaria per adattarsi a demonizzare e a stigmatizzare il perverso narcisista. Al punto che oggi una donna arriva a dare al marito del perverso narcisista perché magari quello non ha portato giù l’immondizia oppure ha organizzato serate di calcio o di altri sport tra amici. Ora, attenzione: «Alcuni tratti narcisistici non fanno una struttura narcisistica», precisa padre Pascal Ide nel suo libro Manipulateurs.

La nozione di perversione narcisistica è stata introdotta nel 1986 da Paul-Claude Racamier, psichiatra e psicanalista, e designa non una personalità ma un meccanismo psichico basato sui concetti freudiani di perversione e di narcisismo. Fu nel 1989 che Alberto Eiguer, psichiatra e psicanalista francese, dà carne a questa forma patologica di narcisismo descrivendo il perverso narcisista e il suo potere manipolatorio. Nel 1998, Marie-France Hirigoyen, dottore in medicina, psichiatra e psicoterapeuta famigliare, divulga la nozione stabilendo la definizione della molestia morale, appannaggio del perverso narcisista. Da allora è emersa una vera e propria nozione popolare, ripresa in numerosi articoli di giornale e in diverse opere.

La differenza tra un perverso narcisista e un egoista?

Il Larousse [un popolare dizionario francese, più o meno l’equivalente dello Zingarelli italiano, N.d.T.] definisce l’egoismo come una tendenza che porta un individuo a preoccuparsi esclusivamente del suo proprio piacere e del suo proprio interesse senza curarsi di quelli altrui. Allora sì, un perverso narcisista è egoista, ed egocentrico!, nella misura in cui pensa di essere il centro del mondo, serve i propri interessi e non prova compassione alcuna verso gli altri. Per contro – e meno male! – una persona egoista non è necessariamente un perverso narcisista.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni