Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una mamma con un figlio in Cielo ci racconta come vive il mistero della Trasfigurazione

Condividi

Quando suo figlio Filippo, ormai vicino alla morte, le chiedeva se sarebbe stato bello in Paradiso, Anna gli rispondeva di sì, che sarebbe stato il più bello e avrebbe avuto il collo più lungo...

di Anna Mazzitelli

Domenica scorsa la Chiesa ha proposto, come tutti gli anni per la seconda domenica di quaresima, il Vangelo della trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor.

Questo brano mi fa sempre commuovere, perché ripenso a quello che dicevo a Filippo sul corpo trasfigurato che noi tutti avremo nei nuovi cieli e una terra nuova che ci promette il Signore (2 Pt 3,13).

Filippo mi chiedeva se lui sarebbe stato bello, e io gli rispondevo che sarebbe stato il più bello di tutti e che (anche se mia madre non è d’accordo), non avrebbe più avuto le cicatrici delle operazioni, sul petto e sul collo, e i segni dei tanti prelievi di midollo che costellavano la sua schiena. Gli dicevo che il suo collo, già lungo, sarebbe stato ancora più lungo (avere il collo lungo era una delle sue ossessioni, un segno distintivo di bellezza, non so dove l’avesse visto ma anche nei suoi disegni i personaggi -umani e animali- avevano sempre dei colli spropositati) e avrebbe sprigionato una luce bellissima. Sarebbe stato impossibile non riconoscerlo.

Quanto a me sono certa che, se mi vorranno in paradiso, quando ci andrò avrò le sembianze che avevo nell’estate del 2014, l’estate dei miei 40 anni, l’ultima estate di Filippo, perché ero così felice che di più non lo sarò mai: avevo tutti e tre i miei figli con me, e con Stefano e i miei genitori abbiamo passato dieci stupendi giorni in montagna, facevamo passeggiate, disegnavamo spirograph e mangiavamo dolci. Era già un po’ di paradiso.

E quando penso a tutto questo sono grata a Gesù che ci ha insegnato come saremo, trasfigurando sé stesso davanti ai suoi amici più cari (un altro dei motivi che mi fa amare questo brano è la predilezione di Gesù per alcuni degli apostoli, perché sono sempre stata convinta che i rapporti privilegiati siano quelli che danno di più, e non è vero che bisogna essere amici di tutti allo stesso modo), per far dare loro una sbirciatina a quello che sarà il paradiso, un’occhiata al dritto del ricamo, un assaggio di perfezione ed eternità.

E questo assaggio di perfezione mi è capitato di sperimentarlo osservando sacerdoti giovani e belli che impartiscono i sacramenti (e se è vero che “la bellezza salverà il mondo”, sono proprio fortunata, perché ne conosco tanti!).

E’ una prova quasi tangibile della presenza dello Spirito Santo, che realmente trasfigura i volti di questi ragazzi e li rende ancora più belli di quello che sono, più luminosi, nel momento in cui, attraverso le loro mani, passa per consacrare il pane e il vino, per battezzare un bambino, per dare un’assoluzione.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni