Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Gennaio |
San Cleopa
home iconSpiritualità
line break icon

Facciamoci furbi, facciamoci servi! Seguiamo Cristo fino in fondo

CRISTO CORONATO SPINE

nhauscreative via GettyImages

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 28/02/18

Cercare i primi posti nel cristianesimo, ma come li intende il mondo, significa non avere compreso fino in fondo cosa è venuto ad annunciare Cristo. Ma siamo pazienti con noi stessi, nemmeno gli apostoli lo hanno compreso subito

In quel tempo, mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i Dodici e lungo la via disse loro: 
«Ecco, noi stiamo salendo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai sommi sacerdoti e agli scribi, che lo condanneranno a morte 
e lo consegneranno ai pagani perché sia schernito e flagellato e crocifisso; ma il terzo giorno risusciterà». 
Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per chiedergli qualcosa. 
Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Dì che questi miei figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». 
Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». 
Ed egli soggiunse: «Il mio calice lo berrete; però non sta a me concedere che vi sediate alla mia destra o alla mia sinistra, ma è per coloro per i quali è stato preparato dal Padre mio». 
Gli altri dieci, udito questo, si sdegnarono con i due fratelli; 
ma Gesù, chiamatili a sé, disse: «I capi delle nazioni, voi lo sapete, dominano su di esse e i grandi esercitano su di esse il potere. 
Non così dovrà essere tra voi; ma colui che vorrà diventare grande tra voi, si farà vostro servo, 
e colui che vorrà essere il primo tra voi, si farà vostro schiavo; 
appunto come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti». (Mt 20, 17-28)

«Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà». Fare lo spoiler al dolore serve a poco. Anche se qualcuno ci dice che andrà a finire bene, a noi interessa lo svolgimento, cioè quello che accade prima che finisca bene.

E abbiamo migliaia di modi per non pensarci, per anestetizzare la fatica di vivere, pur sapendo che andrà a finire bene se seguiremo Lui su quella strada. Cercare i primi posti nel cristianesimo è un modo chiaro di dire che non si è capito fino in fondo ciò che Gesù è venuto ad annunciarci: “Allora la madre dei figli di Zebedeo si avvicinò a Gesù con i suoi figli, prostrandosi per fargli una richiesta.

Ed egli le domandò: «Che vuoi?» Ella gli disse: «Di’ che questi miei due figli siedano l’uno alla tua destra e l’altro alla tua sinistra, nel tuo regno». Gesù rispose: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete voi bere il calice che io sto per bere?» Essi gli dissero: «Sì, lo possiamo»”.

Chiedere i primi posti, come fa la mamma di Giacomo e Giovanni per i suoi figli nel vangelo di oggi, è come farsi raccomandare per mettersi in prima fila in un delfinario. Praticamente i primi a bagnarsi saranno proprio loro, ma per chi non pensa con questa lungimiranza è convinto di aver chiesto un affare. L’umiltà dell’ultimo posto, in realtà è una furbata che solo chi ha capito che cosa ha detto Cristo può davvero vivere.

Il problema è sempre lo stesso: ascoltarlo fino in fondo, e capire che la cosa più grande che uno possa fare non è accaparrarsi un posto ma mettersi a servire: “Voi sapete che i prìncipi delle nazioni le signoreggiano e che i grandi le sottomettono al loro dominio. Ma non è così tra di voi: anzi, chiunque vorrà essere grande tra di voi, sarà vostro servitore; e chiunque tra di voi vorrà essere primo, sarà vostro servo”. Perché solo chi serve in realtà è nella somiglianza migliore a Cristo.

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri fi...
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù m...
Arthur Herlin
Bella, talentuosa, sicura di sé, 26 anni...la...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri fi...
COMPUTER SCREEN
Gelsomino Del Guercio
Avete condiviso questo messaggio del Papa? È ...
Maria Paola Daud
Preghiere a 4 patroni delle cause impossibili...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni