Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconChiesa
line break icon

I 120 hackers che hanno il sostegno di Papa Francesco

VATICAN

VHacks2018 | Facebook

John Burger - Aleteia USA - pubblicato il 28/02/18

L'“hackathon” vaticano promuove una competizione su questioni relative a inclusione sociale, dialogo interreligioso e crisi dei rifugiati per trovare delle soluzioni

Per quanto possa sembrare contraddittorio, il Vaticano sta “abbracciando” gli hackers. Per la prima volta, la Sede della Chiesa cattolica romana organizza un “hackathon” – una competizione in cui squadre provenienti da tutto il mondo cercheranno soluzioni tecnologiche a problemi specifici.

Nota come VHacks, la competizione si svolgerà in 36 ore tra l’8 e l’11 marzo e si concentrerà su questioni di inclusione sociale, dialogo interreligioso e crisi dei migranti e dei rifugiati.

Combinando le parole “hacking” e “marathon”, un “hackathon” riunisce team multidisciplinari (includendo programmatori di computer, disegnatori grafici e project manager) per elaborare soluzioni entro un limite di tempo. È una gara, ma amichevole.

VHacks è un appello alla responsabilità – riunire persone di tutte le fedi per affrontare questioni globali attuali”, hanno affermato gli organizzatori.

Molti cattolici potrebbero essere sorpresi dall’apertura del Vaticano a questa attività, anche per le connotazioni negative della parola “hacking”.

“Per l’opinione corrente, l’hacking è qualcosa che viene fatto da un gruppo di persone che cerca di introdursi nei computer, in genere per scopi negativi. Potrebbero essere criminali o agenti politici, o persone che lavorano per una compagnia o un Paese nemico che vuole provocare qualche danno. O potrebbero essere spie”, ha affermato Kevin McKee, consulente del team di hacking della Dos Pueblos High School di Santa Barbara (California, Stati Uniti).

“Ma è solo un piccolo aspetto di quello che è l’hacking”, ha spiegato. “Un altro molto più ampio è che si tratta di un sistema in cui le persone sono spinte e incoraggiate a trovare nuove soluzioni ai problemi. Spesso i giovani lo fanno in un modo organizzato chiamato hackathon”.

  • 1
  • 2
Tags:
papa francescovaticano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni