Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconChiesa
line break icon

Perché non c’è più stato un Papa con la barba dal 1700?

Daniel R. Esparza - pubblicato il 26/02/18

La barba ha una lunga storia nella Bibbia, nel Diritto Canonico e nella tradizione

Innocenzo XII – nato Antonio Pignatelli – è stato Papa dal 1691 al 1700. È noto sopratutto per aver combattuto una battaglia dura e decisiva contro il nepotismo nella Chiesa, e per essere stato finora l’ultimo Papa a portare la barba lunga. Perché nessun altro Pontefice lo ha fatto in più di 300 anni?

La barba occupa un posto interessante nella Bibbia ebraica. Come si legge nella Catholic Encyclopedia, tagliare la barba di un altro uomo era considerato un’offesa (2 Samuele 10, 4); rasarsi o strapparsi la barba indicava lutto (Geremia 41, 5; 48, 37); permettere che la propria barba fosse profanata faceva pensare agli altri che si fosse pazzi (1 Samuele 21, 13), e alcuni tagli della barba che probabilmente imitavano i costumi pagani erano severamente proibiti (Levitico 14, 9).

Sia i greci che i romani, all’epoca di Cristo, piuttosto si rasavano. Se gli apostoli, anche nelle prime rappresentazioni cristiane, appaiono con la barba, non si può dire che fosse così in tutte le raffigurazioni. In alcune delle prime rappresentazioni del Battesimo di Cristo, infatti, Gesù viene mostrato senza barba, a differenza della maggior parte delle raffigurazioni bizantine. Alcuni Padri della Chiesa (Girolamo e Agostino) sembrano censurare o incoraggiare la pratica di portare la barba, ma trarre una conclusione definitiva sulla questione è piuttosto complicato. Nel VI secolo, però, il Diritto Canonico inglese ordinava ai chierici di “non permettere né ai capelli né alla barba di crescere liberamente” (Clericus nec comam nutriat nec barbam).

  • 1
  • 2
Tags:
papisacerdotiSanti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni